Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Il ministero della Difesa parte civile al processo Cucchi - Conte

© Sputnik . Aleksey Vitvitsky / Vai alla galleria fotograficaGiuseppe Conte
Giuseppe Conte - Sputnik Italia
Seguici su
In aula il teste chiave racconta il pestaggio: Stefano preso a calci in faccia.

“Il governo è ben favorevole alla costituzione di parte civile in giudizio dell’amministrazione della Difesa quindi anticipo la disponibilità”. Lo ha detto il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a margine dell’inaugurazione del nuovo museo del design alla Triennale a proposito del caso giudiziario per la morte di Stefano Cucchi, nel giorno in cui in aula il superteste e vicebrigadiere Francesco Tedesco ha raccontato del pestaggio. Una “botta e poi l’altra”. Una rapida successione di colpi. Ecco quello di cui fu vittima il giovane geometra romano, in una caserma dei carabinieri. Perché faceva resistenza al fotosegnalamento, alla raccolta delle sue impronte digitali.

Dopo l’arresto Cucchi è stato oggetto di pestaggio da parte dei militari Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro, come ha spiegato oggi il rappresentante dell’Arma, davanti ai giudici della Corte d’Assise di Roma. Il militare ha ricostruito i fatti durante la sua deposizione nel processo bis. Anche lui è imputato, ma oggi – ha detto – “voglio dire tutto”.

Giuseppe Conte - Sputnik Italia
Conte suscita simpatia. Ma chi avrà il coraggio di prendersi la responsabilità?
Insomma nella caserma della compagnia Casilina la notte del 15 ottobre 2009, “mentre uscivano dalla sala, Di Bernardo si voltò e colpì Cucchi con uno schiaffo violento in pieno volto – ha ricordato Tedesco – Poi lo spinse e D’Alessandro diede a Cucchi un forte calcio con la punta del piede all’altezza dell’ano. Nel frattempo io mi ero alzato dal banco dove ero seduto e ho detto: ‘Basta, finitela, che cazzo fate, non vi permettete’. Ma Di Bernardo proseguì nell’azione spingendo con violenza Cucchi e provocando una caduta in terra sul bacino. Quindi Stefano sbattè anche la testa. Io sentii un rumore della testa che batteva, dopo avere sbattuto la schiena. Mentre Cucchi era in terra D’Alessandro gli diede un calcio un faccia, stava per dargliene un altro ma io lo spinsi via e gli dissi ‘State lontani, non vi avvicinate e non permettetevi più’. Aiutai Stefano a rialzarsi, gli dissi ‘come stai?’ lui mi rispose ‘Sono un pugile sto bene’, ma lo vedevo intontito”.

“Non è stato facile denunciare i miei colleghi – ha detto ancora in aula – Il primo a cui ho raccontato quanto è successo è stato il mio avvocato. In dieci anni della mia vita non lo avevo ancora raccontato a nessuno”.

“Dire che ebbi paura è poco – ha aggiunto Tedesco – Ero letteralmete terrorizzato. Ero solo contro una sorta di muro. Sono andato nel panico quando mi sono reso conto che era stata fatta sparire la mia annotazione di servizio, un fatto che avevo denunciato. Ero solo, come se non ci fosse nulla da fare. In quei giorni io assistetti a una serie di chiamate di alcuni superiori, non so chi fossero, che parlavano con il maresciallo Mandolini. C’era un po di agitazione. Poi mi trattavano come se non esistessi.Questa cosa l’ho vissuta come una violenza”.

Fonte: Askanews

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала