Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

NATO e Dipartimento di Stato USA: l’Alleanza non sta cercando di isolare la Russia

© Fotolia / KLimAx FotoBandiere degli USA e della Russia
Bandiere degli USA e della Russia - Sputnik Italia
Seguici su
L'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) è destinata a continuare il dialogo con Mosca, non intende tentare d'isolare la Russia e non è interessata a fomentare una nuova guerra fredda. Tali assicurazioni sono state fatte lunedì in un incontro con i giornalisti da Kyron Skinner, capo del dipartimento di pianificazione politica del Dipartimento di Stato , e Benedetta Berti, consigliere politico del segretario generale della NATO, capo del suo dipartimento di pianificazione politica. Su richiesta del corrispondente di un agenzia d'informazione russa, hanno commentato le prospettive per l'ulteriore sviluppo delle relazioni tra l'Alleanza Nord Atlantica e la Russia.

Skinner, soprattutto, ha sottolineato che la cooperazione tra Occidente e Mosca non è stata interrotta nemmeno nei momenti più difficili della Guerra Fredda.

"Prima di tutto, anche al culmine della Guerra Fredda, c'è sempre stata un'interazione con l'Unione Sovietica <...> Non c'è mai stato un periodo in cui non avremmo interagito... anche nel... 1983, quando il Presidente Ronald Reagan chiamò l'Unione Sovietica" l'impero del male "e lanciò la Strategic Defence Initiative, nota come "Guerre stellari", negoziavamo privatamente con il Cremlino, cercando la liberazione di cinque o sette pentecostali che si erano rifugiati nell'ambasciata americana a Mosca. Ebbe luogo questo episodio, ma non fu detto nulla a prima della fine della guerra fredda" ha ricordato la dipendente del servizio straniero degli Stati Uniti.

Casa Bianca, Washington, USA - Sputnik Italia
Per analisti asiatici non è la Russia il pretesto americano per uscire dal Trattato INF

"Sto parlando di questo come esempio dell'impegno irremovibile americano di cooperare con la Russia e i suoi avversari. I nostri principali avversari nell'era della rinnovata competizione delle grandi potenze sono Cina e Russia. Penso che l'Iran possa essere incluso in questa categoria.E ci sono negoziati, discussioni e interazione sia sulla track uno (tra i funzionari) e sulla track due (tra rappresentanti della comunità di esperti) con tutti questi concorrenti, tra cui la Russia", ha detto Skinner

Da parte sua, Berti ha indicato che la NATO ha deciso di perseguire una politica di deterrenza e dialogo con la Russia. Sia lei che Skinner hanno accusato Mosca dell'attuale situazione.

"L'attuale politica alleata nei confronti della Russia è una reazione diretta alla situazione di sicurezza che si è sviluppata dopo il 2014. Prima di questo, per diversi anni in cui abbiamo parlato con la Russia come partner.Tutto ciò è cambiato quando le azioni della Russia sono cambiate. Pertanto, dopo il 2014, ci siamo mossi verso una politica di... forte difesa e deterrenza, oltre al dialogo", ritiene Berti.

"Il mantenimento di queste colonne portanti è stato ribadito nel precedente vertice (della NATO) a Bruxelles (l’'anno scorso)", ha continuato il consigliere del Segretario generale dell'Alleanza, Jens Stoltenberg, "Penso che continueranno a essere il modo in cui interagiamo con la Russia".

NATO - Sputnik Italia
NATO esorta la Russia a rispettare i trattati INF e CFE

"Quando e se la Russia cambierà il suo comportamento, ... esploreremo la possibilità di aprire una discussione, ma fino a quando ciò non accadrà, non ci sarà alcun ritorno a fare gli affari come al solito", ha detto Berti. Ha specificato cosa intendeva, compresa la riunificazione della Crimea con la Russia, che ha definito, in conformità con la posizione sviluppata dalla NATO, come "annessione illegale" della penisola.

"Allo stesso tempo, questo non significa che la NATO, come alleanza, faccia una scelta per non avere un dialogo con la Russia, dovrebbe andare e negoziare regolarmente all'interno del Consiglio Russia-NATO", ha detto Bertie.

Secondo lei, "la situazione non è la più semplice in questo momento, ... non è la cosa più semplice". "Ma continuiamo ad essere impegnati nel dialogo: una delle tesi che noi, come alleanza, continuiamo a ripetere, è che non vogliamo isolare la Russia, non vogliamo un'altra guerra fredda, non vogliamo una corsa agli armamenti, tuttavia vogliamo portare a termine la nostra missione: garantire la sicurezza dell'alleanza euro-atlantica ", ha detto una portavoce della NATO.

Secondo Bertie, questi obiettivi possono essere raggiunti solo portando "la Russia a rispettare le regole dell'ordine mondiale". "Quindi la politica della NATO, a mio parere, rimane completamente chiara e la esamineremo quando la Russia deciderà di cambiare il suo comportamento", ha aggiunto l'assistente del segretario generale.

Skinner è d'accordo con il punto di vista di Berti. Allo stesso tempo, in sostanza, ha chiarito che l'Alleanza del Nord Atlantico non è pronta a prendere misure di costruzione della fiducia, ma è in attesa di un passo avanti della Russia.

L'escalation delle tensioni tra India e Pakistan - Sputnik Italia
La crisi indo-pakistana e la deterrenza nucleare dopo il tramonto del trattato INF

"Solo per incoraggiare altri membri della NATO, posso dire che noi, gli Stati Uniti, percepiamo la minaccia dalla Russia estremamente seriamente. <...> Se i russi risponderanno a tutte queste misure, le quali a mio avviso sono molto significative, la NATO rimane pronta a collaborare", ha affermato la diplomatica americano.

Come ha affermato, lo "scenario delle relazioni internazionali" implica sia la necessità di "dimostrare forza e competizione", sia "allo stesso tempo di essere pronti ... a rispondere" ai passi costruttivi del partner.

Tuttavia, "se guardi l'intero globo, allora la Russia nella fase attuale non sta cooperando secondo leggi e trattati internazionali", ha sostenuto Skinner.

Lunedì ha organizzato una conferenza chiusa presso il Dipartimento di Stato con i colleghi dei paesi membri della NATO. Questo evento si è svolto alla vigilia della riunione dei capi delle agenzie degli affari esteri degli stati partecipanti all'alleanza a Washington il 3-4 aprile.

Skinner inoltre ha aggiunto che la NATO sta discutendo i possibili scenari e le possibili opzioni di risposta al completo smantellamento del trattato russo-americano INF sulla distruzione dei missili a medio e corto raggio.

“Ci incontreremo ad agosto per discutere l’uscita dal trattato” ha detto la rappresentante del Dipartimento di Stato USA.

“Quando pensiamo alla situazione sconveniente in cui si sarebbero trovati gli USA restando nell’accordo, specialmente tenendo conto del numero degli armamenti che detengono i cinesi, dobbiamo tenere conto delle nuove richieste più grandi di concorrenza” ha detto Skinner. “Non ha senso restare nel contratto, se lo rispetta una sola parte”.

Missile 9M729 - Sputnik Italia
Trattato INF, gli USA cercano di dimostrare le violazioni all'accordo della Russia

A sua volta, Berti ha confermato che l'alleanza valutare "quali sono le implicazioni per la sicurezza collettiva" del probabile collasso dell'INF.

Allo stesso tempo, Berti ha sottolineato che non è ancora il momento di parlare di eventuali misure di ritorsione. "È troppo presto per giudicare quali saranno i risultati delle nostre consultazioni collettive, ma c'è una partecipazione attiva di tutti gli alleati in questo: cosa fare per essere pronti quando arriverà il 1° agosto", ha detto la rappresentante dell'alleanza. Ha anche chiarito che la NATO sta aspettando azioni per salvare il trattato solo dalla Russia, e non dagli Stati Uniti. "Il segnale, ovviamente, è che la Russia ha ora l'ultima possibilità di tornare all'INF", ha detto Berti.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала