Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Presidente Serbia: se la NATO non difenderà i serbi in Kosovo lo faranno altri

© AFP 2021 / EMMANUEL DUNANDPresidente della Serbia Aleksandar Vucic.
Presidente della Serbia Aleksandar Vucic. - Sputnik Italia
Seguici su
Il contingente internazionale KFOR sotto gli auspici della NATO è obbligato a proteggere i serbi in Kosovo e Metohija, altrimenti ci sarà qualcun altro a farlo, ha dichiarato il presidente serbo Alexander Vucic nel 15° anniversario dei brutali pogrom nella provincia.

Gli albanesi del Kosovo nel marzo 2004 hanno organizzato dei pogrom, che hanno portato alla cacciata in massa dei serbi dalla provincia e alla distruzione di numerosi monumenti della loro storia e cultura. Le rivolte con molte vittime si sono verificate nonostante la presenza delle forze dell'Alleanza del Nord Atlantico nella provincia autonoma il 12 giugno 1999 dopo il ritiro delle forze serbe e della polizia dal Kosovo e Metohija.

Bandiera del Kosovo - Sputnik Italia
Serbia promette “reazione chiara” ad eventuale intervento militare nel Kosovo

Domenica in tutto il paese si svolgono eventi commemorativi e funzioni religiose in chiesa.

"Da loro (KFOR) ci aspettiamo che reagiranno in ogni momento in cui il popolo serbo venga minacciato, se la NATO non è sarà in grado di farlo in pratica, ci sono coloro che sono in grado di proteggere il nostro popolo", ha detto Vucic domenica in una conferenza stampa. Ha aggiunto che le autorità serbe non abbandonerebbero i loro concittadini in pericolo.

La dirigenza serba, sotto la pressione di Bruxelles e al fine di avvicinare la regione all'Unione europea, oltre a rendere la vita più facile ai cittadini serbi nella provincia, nel 2011 è stata costretta ad avviare negoziati per normalizzare le relazioni con gli albanesi del Kosovo attraverso la mediazione dell'UE. Il dialogo è attualmente sospeso.

"Vogliamo continuare il dialogo con gli albanesi e le trattative, ma temo che con la loro piattaforma negoziale e i dazi doganali imposti dimostrino che non vogliono un dialogo", ha sottolineato.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала