Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

L'Unione europea rifiuta di nuovo di riconoscere il risultato del referendum in Crimea 

© AFP 2021 / THIERRY CHARLIERFederica Mogherini
Federica Mogherini - Sputnik Italia
Seguici su
L'UE ha rilasciato una dichiarazione riguardo l'anniversario a cinque anni dal referendum in Crimea, confermando il suo impegno nella politica del non riconoscimento e dell’applicazione di ulteriori sanzioni contro la Federazione russa.

La Crimea festeggia il quinto anniversario del referendum, durante il quale la penisola si è ricongiunta alla Russia. Cinque anni fa, il 16 marzo 2014, con uno schiacciante numero di voti per una delle due opzioni proposte alle urne, è stata scelta la prima: "Per la riunificazione della Crimea alla Russia in base ai diritti del soggetto della Federazione Russa".

Crimea. Cinque anni dopo - Sputnik Italia
Crimea. Cinque anni dopo

"L'UE è ancora impegnata nella piena attuazione della sua politica di non riconoscimento, misure restrittive comprese. L’UE nuovamente invita gli stati membri delle Nazioni Unite a prendere in considerazione l'adozione di simili misure in conformità con la risoluzione 68/262 dell'Assemblea Generale", si legge in un comunicato del capo della diplomazia europea Federica Mogherini a nome dell'UE.

La dichiarazione afferma inoltre che l'UE considera questi eventi "una sfida diretta alla sicurezza internazionale", che "ha portato a un pericoloso aumento della tensione nello Stretto di Kerch e nel Mar d'Azov".

L'UE ha chiesto nuovamente alla Federazione russa di liberare i marinai ucraini, "incondizionatamente e senza ulteriori ritardi” del tribunale, “di fornire libero passaggio a tutte le navi attraverso lo Stretto di Kerch nel mare di Azov".

Il comunicato, inoltre, contiene dichiarazioni standard dell'UE riguardo la questione della "crescente militarizzazione della penisola", "il deterioramento della situazione dei diritti umani", "la pressione sui tartari di Crimea", ma anche un invito alla liberazione di Oleg Sentzov, che è stato condannato a 20 anni di carcere con l'accusa dell’organizzazione di un attentato in Crimea.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала