Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Fermato progetto vendita acqua del Bajkal ai cinesi

© Sputnik . Vladimir Smirnov / Vai alla galleria fotograficaBaikal - Buriazia
Baikal - Buriazia - Sputnik Italia
Seguici su
Con una decisione del tribunale, è stata sospesa la costruzione di un impianto per la produzione di acqua potabile nel villaggio di Kultuk, sul lago Bajkal, dopo un'ondata di proteste per questioni ambientali. Lo ha riferito venerdì 15 marzo a Sputnik l’amministrazione della regione d'Irkutsk.

Il lavoro è stato interrotto fino a quando le violazioni identificate durante le ispezioni da parte della procura ambientale e Rosprirodnadzor verranno eliminate.

In particolare, le autorità di vigilanza hanno individuato nel sito di costruzione tracce di prodotti petroliferi, e discariche di rifiuti industriali. L'investitore del progetto, AquaSib, non aveva il permesso di eseguire lavori di scavo per la costruzione di condotte idriche.

"Ci sono state violazioni nella fase delle udienze pubbliche sulla costruzione di questo impianto, così come durante la valutazione da parte degli esperti statali sull'impatto ambientale", ha detto l'amministrazione regionale.

La costruzione dell’impianto per la raccolta di acqua potabile da esportare in Cina avrebbe dovuto essere avviata prima della fine del 2019. L'investimento totale nel progetto sarà di 1,5 miliardi di rubli.

Una petizione pubblica contro lo stabilimento ha già raccolto oltre 920.000 firme. Si presume che l’impianto possa causare danni irreparabili all'ecosistema del lago. Il primo ministro Dmitry Medvedev ha riconosciuto la gravità di questo argomento e ha promesso di esaminare la situazione.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала