Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Telegraph: governo britannico discute postposizione Brexit di due anni

© REUTERS / Neil HallBrexit
Brexit - Sputnik Italia
Seguici su
In precedenza il Premier della Gran Bretagna ha proposto al parlamento di condurre delle nuove votazioni per il progetto di accordo con Bruxelles il 20 marzo.

I membri del governo britannico hanno discusso la possibilità di posticipare la data di ritiro del Regno Unito dall'Unione europea per un massimo di due anni. Lo ha riferito mercoledì il Daily Telegraph.

Secondo i dati del Telegraph la Brexit verrà posticipata come minimo al 30 giugno, se la Premier Theresa May riuscirà a convincere i deputati della Camera dei Comuni della necessità di sostenere la prossima settimana l’accordo di cooperazione raggiunto con Bruxelles. Se l’accordo sull condizioni della Brexit verrà rifiutato per la terza volta, allora la Brexit verrà condotta su dei periodi più lunghi, ha avvertito la Premier inglese.

Il giornale osserva che May ha perso il controllo sulla situazione con Brexit e il partito conservatore, di cui è la leader. Il problema sta nel fatto che 18 membri del governo hanno violato la disciplina del partito rifiutandosi di votare contro la proposta di bloccare una volta per tutte la possibilità di attuare lo scenario di lasciare l'UE senza un accordo.

Brexit: governo britannico sopravvive alla mozione di fiducia - Sputnik Italia
Brexit, bocciato il "no deal"
Theresa May mercoledì ha proposto al parlamento di tenere una nuova votazione sul progetto di accordo con Bruxelles sulle condizioni della Brexit fino al 20 marzo. I legislatori britannici hanno precedentemente respinto due volte il progetto di accordo con l'UE, a gennaio di quest'anno e durante la votazione di martedì, entrambe le volte con una grande differenza, rispettivamente 230 e 149 voti. Tuttavia, Theresa May ha invitato il Parlamento a considerare nuovamente l'accordo e ad accettarlo, affermando che solo in questo caso la data di uscita dall'UE, ora fissata per il 29 marzo, potrebbe essere rinviata.

In precedenza, parlando alla Camera dei Comuni, May aveva avvertito che se i legislatori si fossero nuovamente rifiutati di dare il via libera al progetto di accordo con l'UE, il Regno Unito avrebbe dovuto prendere parte alle elezioni per il Parlamento europeo previste per il 23-26 maggio, e il ritiro dall'UE verrebbe ritardato all'infinito .

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала