Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Analista militare svedese considera la Russia “una superpotenza perdente”

© Sputnik . Valeriy MelnikovIl carro armato T-90 è il più avanzato dell'esercito russo, in servizio dal 1995.
Il carro armato T-90 è il più avanzato dell'esercito russo, in servizio dal 1995. - Sputnik Italia
Seguici su
L'esperto dell'Istituto svedese di ricerche sulla difesa Jonas Kjellen ritiene che la Russia stia cercando di diventare una superpotenza militare "dalla posizione di un perdente".

A suo parere la Russia non può permettersi di sviluppare tecnologie militari pari a quelle occidentali.

Kjellen crede che la strategia di guerra elettronica che esiste in Russia sia basata sulla protezione del personale, delle attrezzature e delle infrastrutture militari, mentre "misure difensive e preventive" sono ignorate.

Il sistema russo di rappresaglia Perimetr - Sputnik Italia
Dead hand: armi russe di rappresaglia nucleare (se esistono)

"Concentrarsi sulla riduzione della visibilità e sulla difesa delle infrastrutture è semplicemente più economico", scrive.

Secondo l'analista militare scandinavo, la Russia continuerà a seguire lo stesso percorso, ma non allo stesso ritmo degli ultimi dieci anni.

"La guerra elettronica è uno strumento che consente ai russi di eliminare le carenze delle armi tradizionali. Così, mediante la guerra elettronica, continuano a sforzarsi di diventare una superpotenza militare, ma dalla posizione di un perdente", ha sostenuto Kjellen.

Uno studio precedentemente pubblicato dall'Istituto svedese di ricerche sulla difesa ha dichiarato che "la Russia si prepara alla guerra".

Successivamente il ministero degli Esteri della Svezia ha sottolineato di non credere alla serietà della minaccia di un'invasione militare della Russia.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала