Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Venezuela spiega perché non farà entrare gli aiuti umanitari dalla Colombia

© Sputnik . Eva Maria Uzcategui / Vai alla galleria fotograficaBandiera del Venezuela
Bandiera del Venezuela - Sputnik Italia
Seguici su
Il governo venezuelano non ha ancora ricevuto dalla Colombia le necessarie copie dei protocolli, che attestino che la consegna degli aiuti umanitari sia stata pianificata e che si pianifichi tra i confini dei due paesi. Rappresentante venezuelano Samuel Moncada.

"È stato un incidente internazionale, non interno, e, essendo un incidente internazionale, il suo regolamento rientra nella responsabilità di questo Consiglio di sicurezza (ONU) e questa responsabilità è stata deliberatamente ignorata. Il governo colombiano non ci ha ancora fornito una copia del protocollo obbligatorio in questi casi, il che dimostrerebbe che si è trattato di un'operazione umanitaria, non di un'aggressione ", ha affermato.

Moncada ha spiegato che nessun paese al mondo può passare un carico non identificato oltre i suoi confini. Ha notato che questa situazione è quindi considerata dal governo venezuelano un'interferenza nei suoi affari interni. In particolare, ha accusato d'interferenza paesi come il Regno Unito e gli Stati Uniti. Un rappresentante del Regno Unito ha categoricamente respinto queste affermazioni.

ONU - Sputnik Italia
Consiglio di sicurezza ONU rifiuta progetto risoluzione della Russia sul Venezuela
Il 23 febbraio, l'opposizione del Venezuela ha cercato di consegnare aiuti umanitari al paese, che le autorità, rappresentate dal legittimo capo dello stato, Nicolas Maduro, non avevano intenzione di accettare. Il governo Maduro sostiene che non vi è alcuna crisi umanitaria nel paese e che i tentativi di fornire aiuti umanitari sono provocazioni. Come ha notato Maduro, la storia degli aiuti umanitari è una copertura per l'aggressione contro il suo paese. Sullo sfondo della crisi, Maduro ha interrotto le relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti e la Colombia.

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha dichiarato il 7 febbraio che Mosca considera il massimo del cinismo imporre sanzioni a Caracas e contemporaneamente imporre aiuti umanitari internazionali al Venezuela.

In Venezuela, una crisi politica si protrae da più di un mese. Le proteste di massa contro l'attuale presidente, Nicolas Maduro, sono iniziate il 21 gennaio poco tempo dopo il suo giuramento. Dopo l'inizio delle rivolte, l'oratore del parlamento dell'opposizione, Juan Guaido, si è dichiarato illegalmente capo di stato provvisorio. Un certo numero di paesi occidentali, guidati dagli Stati Uniti, hanno riconosciuto Guaido. La Russia, la Cina e molti altri paesi hanno sostenuto Maduro come legittimo presidente del Venezuela. 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала