Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Chi mangia pizza e hamburger muore prima

© Fotolia / HansgeelГорячая пицца на деревянном столе
Горячая пицца на деревянном столе - Sputnik Italia
Seguici su
I medici hanno più volte parlato dei danni di crocchette di pollo, patatine fritte e pizza. Un nuovo studio è giunto a conclusioni inequivocabili: chi segue una dieta a base di questi cibi muore prima.

Studiosi dell'Università di Parigi hanno studiato i dati di circa 45.000 francesi di circa 57 anni all'inizio dell'esperimento e li hanno presi in osservazione per 7 anni. I partecipanti hanno regolarmente compilato dei questionari in cui hanno indicato cosa mangiavano, bevevano, se praticassero sport, quale stile di vita conducevano e quali erano i loro parametri corporei come l'altezza e il peso.

Pizza Hut adds new 3-Cheese Stuffed Crust Pizza to menus as first permanent pizza offering in almost two decades. - Sputnik Italia
E' la pizza la migliore colazione
Ad interessare particolarmente gli studiosi era il gruppo dei prodotti alimentari cosiddetti "ultra-lavorati", come li ha definiti il nutrizionista brasiliano Carlos Monteiro. Questi prodotti sono creati tramite processo industriale a partire da alcuni ingredienti che di solito includono additivi e coloranti alimentari. Sempre più spesso questi alimenti vengono venduti sotto forma di dolci e snack.

Gli scienziati hanno scoperto una dipendenza tra il consumo di cibi ultra-lavorati e un elevato rischio di morte. Un incremento del 10% nel consumo di questi prodotti porta a un aumento della mortalità del 14%.

Le ragioni di ciò sarebbero la presenza dell'acrilammide, una sostanza che si crea ad elevate temperature durante la reazione tra zucchero e asparagina. Sempre più spesso si trova in prodotti da forno. Alcuni anni fa l'OMS ha definito l'acrilammide un "possibile cancerogeno".

Crauti - Sputnik Italia
Dalla Polonia arriva la dieta a base di crauti contro il cancro al seno
Altrettanto dannosi sono anche alcuni additivi alimentari come il biossido di titanio che può generare infiammazioni croniche e oncogenesi. Mentre gli emulsionanti e gli esaltatori di gusto possono disturbare l'equilibrio della flora intestinale e generare sindromi metaboliche, diabete e cancro. Infine, un ruolo non indifferente lo svolge anche la confezione: i barattoli e le pellicole di plastica con il bisfenolo A.

Gli autori dello studio invitano gli enti sanitari a pensare a come rendere il cibo sano più conveniente e accessibile per la popolazione. Inoltre, invitano le persone a prepararsi più spesso il cibo a casa.

Queste conclusioni non sono state una rivelazione per i ricercatori. L'anno scorso gli stessi studiosi avevano scoperto un legame tra i cibi ultra-lavorati e le patologie oncologiche: in particolare, con il cancro alla mammella. Altri studi parlano dei danni alla salute provocati dalla dieta "occidentale" visto il suo alto contenuto di zucchero e di prodotti lavorati.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала