Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

India: il numero di morti nell'esplosione è salito a 45

CC0 / / Indian flag
Indian flag - Sputnik Italia
Seguici su
Il numero di morti a causa dell'esplosione di una bomba artigianale nello stato di Jammu e Kashmir in India è salito a 45, dice l'agenzia IANS, citando le autorità locali.

In precedenza, solo 40 morti sono stati segnalati. La bomba artigianale è esplosa quando un convoglio delle forze di polizia della zona centrale (CRPF) si stava dirigendo verso il Distretto di Pulwam. Dopo l'esplosione sul luogo dell'incidente sono stati registrati dei colpi. La responsabilità dell'attacco è stata reclamata dai terroristi del gruppo "Jaish-e-Muhammad".

"Nessuno dei 44 dipendenti della CRPF che erano in autobus è sopravvissuto", ha detto il portavoce delle forze di polizia, che ha aggiunto che "una delle vittime, si trovava in un altro autobus, ma è morta comunque, il numero dei morti è salito a 45". Altre 38 persone sono state ferite.

Secondo l'agenzia, erano 78 i veicoli del convoglio che trasportava i 2547 dipendenti della polizia.

Il raggruppamento "Jaish-e-Muhammad" ("l'esercito del profeta Maometto") è uno dei dieci gruppi di fazioni separatiste islamiste dello stato indiano, che lottano per l'indipendenza dello stato dall'India o per la sua annessione al vicino Pakistan. Si ritiene che il raggruppamento abbia la base nella parte controllata dal Pakistan nel Kashmir, ma fa incursioni nello Stato indiano.

In Kashmir tra India e Pakistan non ci sono confini ufficiali, l'esercito dei due stati condivide la linea di controllo. Nuova Delhi accusa le autorità pakistane di sostegno ai separatisti, Islamabad nega queste accuse, affermando che gli abitanti del Kashmir lottano da soli per i loro diritti.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала