Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

In Estonia stanziato più di 1 milione di euro per film sull’occupazione sovietica

Seguici su
Una storia poliziesca di spionaggio sugli eventi nell'Estonia indipendente alla vigilia della seconda guerra mondiale e un film sulla vita di un ragazzo in una città di provincia della Repubblica Socialista Sovietica Estone hanno ricevuto fondi di produzione per oltre un milione di euro dall'Estonian Film Institute, riferisce Sputnik Estonia.

Dall'inizio del 2019 l'agenzia ha assegnato 1,32 milioni di euro ai registi della Repubblica di Estonia. Allo stesso tempo, l'importo maggiore pari a 600.000 euro è stato ricevuto dal film O-2, che porta lo spettatore all'anno 1939. Il film è basato su eventi reali. Nella storia, il protagonista del film, il capitano dell'intelligence militare estone, ritorna in patria per indagare sulla misteriosa morte del suo collega. Alla ricerca della verità alla spia appare sempre più chiaro il piano dell'Unione Sovietica per "l'occupazione dell'Estonia".

La bandiera estone - Sputnik Italia
Esercitazioni NATO in Estonia: parteciperanno circa diecimila soldati

L'istituto cinematografico ha sostenuto la creazione del film "Sull'acqua" basato sull'opera omonima di Olavi Ruitlane, che racconta la vita di un ragazzo tredicenne Andres in una delle città di provincia dell'Estonia sovietica nel 1981-1982.

I film sul passato sovietico sono popolari nella più recente industria cinematografica dei paesi baltici. Ad esempio, l'anno scorso il film Paradise-89, che racconta i tempi del cosiddetto Atmoda, cioè il "risveglio nazionale" del popolo lettone, è stato proiettato nei cinema della Lettonia. Al PÖFF Film Festival di Tallinn, si è tenuta la premiere internazionale del film lituano Ash in the Snow, diretto da Marius Markevičius, sulle deportazioni dei lituani nei primi anni del potere sovietico.

In Estonia, il miglior film secondo i critici cinematografici nel 2018 è stato il film "Fellow child", che si basa su eventi reali e mostra la storia di una ragazza i cui genitori subiscono la repressione dopo la guerra.

In Russia, è considerato assurdo e inaccettabile parlare di "occupazione sovietica" di Lettonia, Lituania ed Estonia. Il ministero degli Esteri russo ha ripetutamente spiegato che considera l'adesione dei paesi baltici all'URSS come conforme alle norme del diritto internazionale di quel tempo.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала