Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Ambasciatore venezuelano in Russia definisce “trappola” aiuti umanitari USA

© AP Photo / Ramon EspinosaBandiera del Venezuela
Bandiera del Venezuela - Sputnik Italia
Seguici su
L'ambasciatore venezuelano in Russia, Carlos Rafael Faria Tortosa, ha definito gli aiuti umanitari dagli Stati Uniti e dei suoi satelliti una "trappola" che potrebbe essere seguita da un'invasione militare.

"La tensione è giunta sul lato del confine, dove gli Stati Uniti e i suoi satelliti hanno promesso che arriverà un aiuto umanitario, del quale nessuno sa cosa contenga. Queste 120 tonnellate di cibo non sono nulla per la nostra popolazione. Si tratta semplicemente di una trappola, affinché poi a questo segua un'invasione militare", ha detto l'ambasciatore rispondendo alle domande dei giornalisti.

In precedenza, il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha dichiarato che non permetterebbe l'ingresso di aiuti umanitari stranieri nel paese, come insiste l'opposizione. Secondo lui, il Venezuela è in grado di soddisfare tutti i bisogni della sua gente e non dovrebbe chiedere aiuto a nessuno.

Il presidente del parlamento venezuelano Juan Guaidò, il 23 gennaio, si è dichiarato il capo di stato a interim per la durata del governo provvisorio. Gli Stati Uniti e un certo numero di altri paesi hanno riconosciuto Guaidò e hanno chiesto al presidente venezuelano Nicolas Maduro, la cui elezione non considerasse lecita, di non consentire azioni violente contro l'opposizione. Maduro si è dichiarato un presidente costituzionale e ha chiamato il capo del parlamento dell'opposizione "un fantoccio degli Stati Uniti". La Russia, la Cina e molti altri paesi hanno sostenuto Nicolas Maduro come legittimo presidente del Venezuela.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала