Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

India, uomo querela i propri genitori per averlo messo al mondo

CC0 / Pixabay / La bandera indiana
La bandera indiana - Sputnik Italia
Seguici su
Rafael Samuel, 27 anni, ha denunciato i suoi genitori per averlo fatto nascere. Lo riporta oggi Vox.

Samuel, in un'intervista alla pubblicazione, ha spiegato che il motivo per cui ha deciso di querelare i suoi genitori è il fatto che non avevano nessun diritto di concepirlo senza chiedergli il permesso. E poiché questo non è possibile, egli crede che fondamentalmente sia sbagliato avere figli.

La pubblicazione sostiene che Samuel non ha alcuna possibilità di trovare un giudice che gli dia ragione. Inoltre, non ha trovato nessun avvocato disposto a rappresentarlo. Intanto i suoi genitori, entrambi avvocati, hanno reagito con ironia.

"Mi ha risposto: ‘Azzardati! Ma non aspettarti che avrò pietà di te in tribunale'", ha detto Samuel ricordando la conversazione con sua madre.

La motivazione di Samuel potrebbe sembrare assurda, ma è supportata dall'anti-natalismo, una filosofia che sfida la nozione tradizionale che la vita e la procreazione siano buone. L'argomento degli anti-natalisti è che la sofferenza è malvagia, ma l'assenza di qualsiasi sensazione non può essere considerata cattiva. Quindi, essendo nate, le persone passano da uno stato neutro a uno francamente cattivo. Secondo uno degli ideologi della corrente filosofica, David Benatar, l'unico modo per proteggere una persona dal male e dalla sofferenza è assicurarsi che non nasca. Quando applicata universalmente, questa soluzione porterà l'umanità all'estinzione, che, secondo gli anti-natalisti, non è una grave perdita.

"L'umanità in quanto tale è inutile. Una quantità enorme di persone soffre. Se l'umanità muore, la Terra respirerà liberamente e gli animali saranno felici. Saranno migliori senza di noi. E le persone stesse non soffriranno più. L'esistenza dell'uomo è assolutamente priva di significato", ha dichiarato Samuel, chiarendo la sua posizione.

Per sua madre, Samuel è preoccupato che le persone stiano caricando il pianeta di vite inutili ed esaurendo le sue risorse.

"Mia madre è dispiaciuta di non avermi potuto parlare prima che nascessi. Se ciò sarebbe potuto accadere, non mi avrebbe dato alla luce. Mi ha detto che era giovane, quando sono nato, e non sapeva di poter scegliere diversamente", ha concluso Samuel.    

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала