Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Georgia rinuncia a prestito della Banca Europea per gli Investimenti da 100 milioni €

© Sputnik . Grygory Sisoev / Vai alla galleria fotograficaLa bandiera della Georgia
La bandiera della Georgia - Sputnik Italia
Seguici su
E' dovuto al fatto che le banche commerciali del Paese caucasico non sono riuscite ad assumersi gli impegni derivanti dal rischio valutario.

La Georgia è stata costretta a rinunciare ad un prestito di 100 milioni di euro dalla Banca Europea per gli Investimenti (EIB). Lo ha riferito oggi l'ufficio stampa del parlamento georgiano, che ha pubblicato il comunicato sulla riunione della commissione Agricoltura.

Nel bollettino si afferma che i deputati hanno esaminato il documento presentato dal governo per la ratifica dell'esenzione dell'accordo finanziario tra la Georgia e la EIB "Catena di produzione / lavorazione / vendita di prodotti agricoli della Georgia". Il vice ministro delle Finanze Georgy Kakauridze si era rivolto ai deputati per discutere la questione.

Questo accordo finanziario era stato firmato nel 2016. Come spiegato dal vice ministro, per l'attuazione del progetto la EIB aveva stanziato un prestito dell'importo di 100 milioni di euro.

"Nonostante gli sforzi del ministero dell'Agricoltura, le banche commerciali della Georgia non hanno potuto assumersi le responsabilità del rischio valutario e gli interessi del prestito in euro per gli agricoltori erano troppo grandi e inadeguati con l'8-9% annuo. Pertanto il governo ha deciso di rinunciare al prestito assegnato", ha detto Kakauridze.

Ha affermato che con la EIB si sono svolte trattative in merito e che si sta cercando la possibilità di attuare un nuovo progetto di finanziamento pari all stesso importo. Secondo Kakauridze, si parla di un progetto per lo sviluppo di infrastrutture per il miglioramento dei terreni.

Il vice ministro ha affermato che nel 2018 era stato firmato un accordo tra la Georgia e la EIB per annullare il prestito. Affinchè l'accordo entri in vigore, serve la ratifica del documento da parte del Parlamento della Georgia. Nei prossimi giorni la questione verrà posta ai voti nella sessione del più alto organo legislativo del Paese.

Ad oggi la EIB ha attuato 21 progetti in Georgia, stanziando complessivamente 1,5 miliardi di euro, di cui circa 750 milioni di euro per le infrastrutture stradali, circa 180 milioni di euro per il settore idrico e circa 200 milioni di euro per le infrastrutture comunali.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала