Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Di Stefano (M5S): non chiediamo le dimissioni di nessuno in Francia

© Foto : fornita da Manlio Di StefanoManlio Di Stefano
Manlio Di Stefano - Sputnik Italia
Seguici su
Opportunità e rischi. Questi interrogativi sono stati discussi il 6 febbraio a Milano, al margine della settima conferenza annuale dell'Osservatorio Geoeconomia dell'ISPI, copromosso con Intesa Sanpaolo e in collaborazione con Sace "Il mondo che verrà: 10 domande per il 2019".

Le proteste dei sindacati francesi per i salari minimi nel Paese - Sputnik Italia
“Nessuna alleanza tra gilet gialli e M5s” (il leader Chalençon)
Ieri si è tenuto il vertice ministeriale del gruppo di contatto internazionale sul Venezuela. E un giorno prima del vertice si è tenuto un altro evento — "La settima conferenza annuale dell'Osservatorio Geoeconomia dell'ISPI — copromosso con Intesa Sanpaolo e in collaborazione con Sace". Tra i partecipanti dell'evento era Manlio Di Stefano, sottosegretario di Stato agli Affari Esteri, M5S. Ecco cosa ha detto a Sputnik Italia riguardo la posizione dell'Italia su Venezuela e Francia.

Manlio Di Stefano, intervista

— Senti, io condivido la vostra posizione neutra e anche rispetto al diritto internazionale. Ma quanto riesce a tenerle, non tu, nel senso delle vostri posizioni?

— Vediamo..Montevideo come va…non ci vado io, va il ministro (Milanesi, ndr)… Il ministro stava puntando molto su quell'incontro.

— Riuscite a mantenere questa versione?

— Se non si riesce, è un fallimento non nostro, ma di tutti, dobbiamo tutti sperare che si riesca. Noi siamo fiduciosi.

— E invece proprio Cinque Stelle ha la posizione proprio logica… nel senso che non supporti Maduro direttamente, ma più o meno per legalità quindi diciamo — Maduro, invece…

— … non abbiamo neanche come Paese riconosciuto l'elezione di Maduro, però è evidente che come un interlocutore ad interim non serve. quello è chiaro".

— E in Francia supportate gilet gialli…

— Ma infatti non stiamo chiedendo infatti le dimissioni di nessuno in Francia, noi stiamo sostenendo un movimento che chiede le cose che sono in parte simili a quello che chiediamo noi, che facciamo noi. Stiamo dicendo che se i gilet gialli su incardineranno un percorso politico e vadano alle elezioni, sono un movimento che hanno dei punti che noi invidiamo…

— Per esempio, movimento loro persino più grande di quello di Venezuela che ha le condizioni economiche molto di peggio, però di fatto sembra che è una cosa… in galera anzi di più dei francesi.

— Quello è il punto di ipocrisia nella politica internazionale, le proteste vanno sempre gestite allo stesso modo cioe con distanza e con l'obbiettivo di farle diventare politiche…

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала