Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Venezuela, inizia raccolta firme contro ingerenza USA

Seguici su
Ieri a Caracas è iniziata una raccolta di firme contro un possibile intervento militare da parte degli Stati Uniti in Venezuela, riporta un corrispondente di Sputnik sul posto.

Domenica scorsa, Donald Trump ha dichiarato di non escludere d'inviare truppe in Venezuela. Caracas considera queste parole una minaccia.

Il presidente Nicolas Maduro ha annunciato per la prima volta dei piani di questa azione parlando lunedì durante una parata militare nello stato di Aragua.

Secondo la sua idea, la raccolta delle firme avverrà "in ogni piazza, in ogni caserma, in ogni scuola e in ogni fabbrica". Quindi queste firme saranno mandate alla Casa Bianca.

In mattinata i sostenitori delle attuali autorità hanno iniziato a radunarsi in piazza Simon Bolivar a Caracas, accanto alla quale si trovano il ministero degli Esteri e il Palazzo dell'Assemblea Nazionale della Repubblica.

"Vogliamo raccogliere le firme per inviare un potente messaggio all'impero (degli Stati Uniti)" ha detto il capo del municipio del Libertador de Caracas, Erica Farias, sottolineando che il suo paese "non vuole un conflitto armato".

Alla fine di gennaio sono iniziate le proteste in Venezuela. In questo contesto, i leader del parlamento venezuelano, Juan Guaidó, si è autoproclamato capo dello stato a interim. È stato riconosciuto dagli Stati Uniti e da molti altri paesi.

Maduro si è definito presidente legittimo e costituzionale e ha chiamato il capo del parlamento dell'opposizione "un fantoccio degli Stati Uniti". È sostenuto da Russia, Cina e molti altri paesi.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала