Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Papa Francesco pronto a valutare se c'è terreno per mediazione in Venezuela

© AP Photo / Pool/Filippo MontefortePapa Francesco
Papa Francesco - Sputnik Italia
Seguici su
Papa Francesco si riserva l'opportunità di verificare se esistano le condizioni per la mediazione della Santa Sede per risolvere la crisi in Venezuela.

"Il Santo Padre si riserverà sempre l'opportunità di verificare la volontà di entrambe le parti, scoprendo se ci sono le condizioni per muoversi su questa strada", ha detto ai giornalisti giovedì il direttore a interim della Sala stampa della Santa Sede, Alessandro Gisotti.

Martedì, durante la tradizionale conversazione con i giornalisti sull'aereo durante il ritorno dal viaggio apostolico negli Emirati Arabi, Papa Francesco ha affermato che la mediazione della Santa Sede in Venezuela è possibile solo se entrambe le parti lo chiedono.

Lunedì in un'intervista al canale d'informazione italiano Sky TG24, il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha riferito di aver inviato una lettera a Papa Francesco chiedendo assistenza per "facilitare il dialogo" nel paese.

Bandiera dell'Uruguay - Sputnik Italia
Venezuela, Guaidò rifiuta la mediazione di Messico e Uruguay nei negoziati con Maduro
Martedì, in una conversazione con i giornalisti, papa Francesco ha annunciato che avrebbe sicuramente letto il contenuto della lettera di Maduro e deciso cosa avrebbe potuto fare al riguardo. A questo proposito, il pontefice ha ricordato la mediazione di Papa Giovanni Paolo II tra Argentina e Cile, definendo questi sforzi un "atto coraggioso", a seguito del quale è stata impedita la guerra. Allo stesso tempo, ha sottolineato che numerosi "piccoli passi" dovrebbero precedere la mediazione, progettati per facilitare il dialogo tra le parti. La stessa mediazione da parte di forze esterne, a suo parere, dovrebbe essere solo l'"ultimo passo" su questa strada. Questo "dovrebbe essere richiesto da entrambe le parti, come nel caso di Argentina e Cile", ha sottolineato.

Il presidente del parlamento venezuelano Juan Guaidò il 23 gennaio si è autoproclamato capo dello stato per la durata del governo provvisorio. Gli Stati Uniti e un certo numero di altri paesi hanno dichiarato il riconoscimento di Guaidò e hanno chiesto che il presidente venezuelano Nicolas Maduro, la cui elezione non è considerata legittima, non consentisse azioni violente contro l'opposizione. Maduro si è dichiarò il presidente costituzionale e ha chiamato il capo del parlamento dell'opposizione "un fantoccio degli Stati Uniti". La Russia, la Cina e molti altri paesi hanno sostenuto Nicolas Maduro come legittimo presidente del Venezuela. 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала