Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Tribunale turco dice no al rimpatrio di cittadino russo accusato di terrorismo

© Sputnik . Andrei Starostin / Vai alla galleria fotograficamartello giustizia
martello giustizia - Sputnik Italia
Seguici su
Renat Bakiyev ha respinto tutte le accuse ed ha affermato di "non essere al sicuro nel territorio russo".

I giudici del tribunale di Adana hanno respinto la richiesta della Procura generale russa per estradare il concittadino Renat Bakiyev, accusato di essere militante del gruppo terroristico dello Stato Islamico e di organizzare una serie di attacchi terroristici in Turchia, anche vicino alla base militare di Incirlik. Lo ha riferito martedì l'agenzia Anadolu.

Secondo il media, durante l'udienza in tribunale, Bakiyev ha dichiarato che "respinge tutte le accuse e dichiara di non militare in nessuna organizzazione terroristica". Ha inoltre affermato di "non essere al sicuro nel territorio della Russia".

Il tribunale di Adana ha deciso di respingere l'istanza della Procura Generale russa per il mancato completamento delle formalità per l'estradizione e per il fatto che l'uomo e ha già iniziato a scontare la sua pena.

Il 23enne Bakiyev è stato arrestato dalle forze di sicurezza turche il 10 agosto 2017. È accusato di aver cercato di distruggere un aereo militare americano della base militare di Incirlik con un drone acquistato da un altro militante dell'ISIS. Inoltre, secondo gli investigatori, l'uomo pianificava un attacco terroristico contro alti ufficiali americani.

Bakiyev è stato condannato a 12 anni di carcere in Turchia. La sentenza è stata emessa in contumacia, cioè prima dell'arresto del russo.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала