Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Sospensione Trattato INF, Tokyo capisce le ragioni di Washington

© REUTERS / Yuya Shino Japan's Chief Cabinet Secretary Yoshihide Suga
Japan's Chief Cabinet Secretary Yoshihide Suga - Sputnik Italia
Seguici su
Allo stesso tempo il governo giapponese ritiene indesiderata la sospensione di questo accordo.

Tokyo ritiene che la Russia stia violando il trattato sull'eliminazione dei missili a medio e corto raggio e comprende le ragioni degli Stati Uniti per cui hanno deciso di uscire da questo importante accordo sulla strada del disarmo. Lo ha affermato oggi in una conferenza stampa a Tokyo il segretario generale del governo giapponese Yoshihide Suga.

"Questo trattato ha avuto un ruolo storico nel controllo degli armamenti e nel disarmo, riteniamo la rottura di questo accordo indesiderabile", ha affermato. "Tuttavia si può capire la presentazione del problema che ha portato gli Stati Uniti a questa decisione".

Tokyo, Japan - Sputnik Italia
Media: senza trattato INF Giappone si trova in mezzo a confronto USA-Cina
"Non ci sono stati cambiamenti quando le violazioni del trattato da parte della Russia continuano", ha affermato il segretario generale del governo giapponese.

"Inoltre si dovrebbe essere consapevoli del fatto che questo tipo di missili sono stati sviluppati da altri Paesi oltre a Stati Uniti e Russia".

"I problemi legati a questi missili sono direttamente connessi con l'Asia orientale", ha affermato Suga. "In collaborazione con gli Stati Uniti vorremmo discutere la questione con i Paesi interessati, tra cui Russia e Cina".

Nella giornata di ieri il giornale Asahi aveva scritto che la rottura definitiva di questo documento porterà allo schieramento di nuovi missili americani nella regione Asia-Pacifico e potrebbe mettere il Giappone, nel cui territorio ci sono basi militari statunitensi, al centro del confronto tra Washington e Pechino.

L'accordo sulla liquidazione dei missili a medio e corto raggio (INF) è un accordo firmato da URSS e USA nel 1987 che prevedeva la distruzione, da parte di entrambi i firmatari, del loro arsenale di missili balistici e missili da crociera basati a terra a medio (1000-5500km) e corto (dai 500 ai 1000km) raggio, e di non produrne, testarne e svilupparne altri in futuro.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала