Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Curare l'ipertonia grazie alla saliva di vampiro

© AP Photo / Mario QuadrosPipistrello-vampiro
Pipistrello-vampiro - Sputnik Italia
Seguici su
Gli scienziati amano cercare sostanze curative altamente efficaci in natura. Questa volta un team congiunto di esperti provenienti dall'Australia e dal Messico ha deciso di studiare il pipistrello Desmodus rotundus (vampiro comune).

Due robot scelgono il cibo - Sputnik Italia
Gli scienziati hanno scoperto quali alimenti provocano il cancro
Questo pipistrello caccia di notte scegliendo le sue vittime tra animali selvatici e uccelli. Conficca con precisione i canini in una zona del corpo dell'altro animale ricca di vasi sanguigni e succhia a lungo il sangue fresco. La saliva del vampiro comune contiene naturalmente anticoagulanti e diversi peptidi specifici. In passato gli scienziati vi hanno trovato all'interno un fermento che contrasta la formazione di trombi. Ma al momento è molto promettente un'altra proteina: una mutazione del peptide correlato al gene della calcitonina (Calcitonin Gene Related Peptide, o CGRP) che nell'organismo umano garantisce il rilassamento dei vasi sanguigni.

È stato chiarito che il peptide del Desmodus rotundus è insolitamente selettivo riguardo alla sua modalità di azione e questo lo rende particolarmente adatto a fini curativi. Inoltre, a differenza del CGRP ha meno effetti collaterali.

Per via della sua azione vasodilatatrice i ricercatori considerano questa proteina innanzitutto come agente dall'effetto ipotensivo, ma non solo. Secondo gli scienziati, il peptide può contribuire a curare diversi disturbi accomunati da un aumento della pressione sanguigna, come l'insufficienza cardiaca e le patologie renali. La proteina potrebbe essere anche utilizzata per migliorare l'irrorazione sanguigna ai tessuti trapiantati o danneggiati (ad esempio, in seguito a ustioni).

Vi è solo un problema: a questi pipistrelli si spara senza pietà, dunque ne rimangono sempre meno. Di recente nella regione messicana in cui gli scienziati erano soliti trovare i vampiri comuni è scoppiato un conflitto armato e gli habitat dei pipistrelli sono di fatto inaccessibili. Solo in un prossimo futuro capiremo se i ricercatori riusciranno a trovare nuovi habitat di questi vampiri.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала