Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Scienziati: lo stress dei bambini viene dalle madri

© Sputnik . Kirill Kallinikov / Vai alla galleria fotograficaBambini in spiaggia sulla Moscova
Bambini in spiaggia sulla Moscova - Sputnik Italia
Seguici su
Lo stress vissuto dai topi nelle prime settimane di vita, colpisce non loro stessi, ma anche il comportamento di figli e nipoti. Questa è la conclusione di alcuni neuroscienziati russi che hanno pubblicato un articolo sulla rivista Genes, Brain and Behavior.

"Il risultato più interessante è il cambiamento comportamentale dei "nipoti" di questi topi associati a loro, non è chiaro quali meccanismi portino alla modifica del comportamento nella prole" dice Natalya Bondar, dell'Istituto di citologia e genetica Ran a Novosibirsk.

Relativamente di recente, gli scienziati hanno scoperto le piccole variazioni e mutazioni nel DNA dei genitori di entrambi i sessi, non sono in grado di spiegare l'intero insieme di caratteristiche che un bambino eredita dalla madre e dal padre. Ciò suggerisce il ruolo essenziale dell'ereditarietà non genetica, ma della vita nell'evoluzione umana.

In particolare, le informazioni possono essere trasmesse nella stessa forma delle proteine e degli istoni, che tengono insieme il DNA e pregiudicano la "leggibilità" dei singoli geni. Ci sono molte prove che questo "involucro" del DNA sia coinvolto nella trasmissione delle informazioni tra le generazioni, ciò consente agli animali e alle piante di adattarsi rapidamente alle nuove condizioni ambientali. Come riporta il servizio stampa della fondazione scientifica, la neuroscienziata e i suoi colleghi hanno scoperto un insolito esempio di come fattori genetici possono influenzare il comportamento di diverse generazioni di esseri viventi.

Hanno studiato come la separazione dalla madre e altre forme di stress sperimentato in giovane età, hanno influenzato le capacità cognitive e il funzionamento del cervello dei topi.

Esperienze simili, come dicono gli scienziati, di solito danno ai roditori difficoltà di apprendimento, peggiorano la loro memoria. I ricercatori russi hanno ipotizzato che questi effetti negativi della separazione possano essere associati a disturbi nello sviluppo dell'ippocampo, un'area speciale del cervello responsabile della conservazione e della riproduzione dei ricordi.

 Per verificare questa idea, hanno confrontato il numero di neuroni presenti in diverse regioni del centro di memoria. Si è scoperto che una lunga separazione con la madre ha ridotto il numero di cellule nervose in una delle parti dell'ippocampo, l'area CA3, di circa il 12%. È responsabile del lavoro della memoria a breve termine e della capacità di apprendimento. Ciò che è interessante, è che cambiamenti simili si sono verificati non solo nelle femmine stesse, ma anche nei loro cuccioli. Hanno memorizzato peggio la posizione di uscita dal labirinto, dove periodicamente li ponevano gli scienziati, ed erano meno interessati ai nuovi e sconosciuti oggetti che periodicamente si vedevano nelle loro celle.

Ancora più insolito, sembrava che i "nipoti" di questi topi non fossero "topi solitari", come le loro nonne e madri, ma al contrario, mostravano un livello estremamente elevato di socialità. Perché sia così, gli scienziati non lo sanno ancora. E 'possibile che l'analisi dell'attività dei geni e lo studio della struttura di "imballaggio" del DNA aiuterà i neurofisiologi risolvere questo mistero.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала