Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Trovato modo per insegnare al cuore come curarsi da solo

© Fotolia / Syda ProductionsMedici
Medici - Sputnik Italia
Seguici su
Il cuore è uno degli organi più importanti del nostro corpo e tenendo conto delle statistiche sempre più negative riguardo la crescita delle malattie cardiovascolari, lo sviluppo di nuove terapie è fondamentalmente importante.

Di recente un gruppo di ricercatori della Rutgers University del New Jersey ha compiuto un passo importante per "insegnare al cuore a curarsi autonomamente", riducendo così il numero di interventi chirurgici e migliorando la vita delle persone.

Secondo la redazione della rivista Frontiers in Cell and Developmental Biology, il principio è nella delimitazione delle cellule del tessuto connettivo del cuore umano e nella reversibilità delle cellule staminali del cuore per poi essere "trasformate" in cellule del muscolo cardiaco. Tuttavia tutto questo non è una novità e la svolta del team di ricercatori è che le cellule del muscolo cardiaco di nuova creazione si uniscono in modo indipendente alla struttura multifunzionale dell'organo. Tipicamente le cellule cardiache come sopra descritte non si formano insieme e non si rompono con la stessa frequenza. Per raggiungere questo obiettivo, i ricercatori hanno utilizzato la proteina CREG.

"I fibroblasti, cellule del tessuto connettivo isolate dal cuore, vengono trasformate in cellule staminali. Viene fatto per assicurare che la proteina CREG possa influenzarle e indurre la differenziazione in cellule della stessa specie. L'insufficienza cardiaca ha raggiunto proporzioni epidemiche. Ora l'unica opzione di cura è il trapianto o l'installazione su un paziente di un apparato cardiaco artificiale. Lavoriamo per curare l'organo."

Sebbene lo studio sia ancora lontano dalla fine, possiamo già dire che il metodo è abbastanza promettente. Secondo i ricercatori, le proteine CREG sono in grado di creare "più tessuti quanto necessari" per la guarigione dei pazienti. E poiché le nuove cellule vengono create sulla base dell'organo del paziente, non è un problema e non fa paura il rigetto di trapianto.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала