Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Francia, le autorità vogliono cambiare la legge sulle manifestazioni di piazza

© SputnikParigi, Gilet gialli di nuovo in piazza
Parigi, Gilet gialli di nuovo in piazza - Sputnik Italia
Seguici su
Il governo francese intende inasprire la legge sulle manifestazioni pubbliche, per evitare gli episodi di violenza, ma le organizzazioni per i diritti umani temono limitazioni alla libertà d’espressione. Ne parla oggi il quotidiano francese Le Figaro.

Malgrado funzionari e forze dell'ordine francesi abbiano ripetutamente parlato della necessità di garantire il diritto dei cittadini a manifestare, approfittando del fatto che i media sono concentrati sui gilet gialli, il viceministro dell'interno Laurent Nunez ha annunciato la creazione di un gruppo di lavoro per modificare la legislazione esistente sulle manifestazioni di piazza.

Gli emendamenti in questione si basano sulle proposte avanzate dai senatori del partito repubblicano nel giugno scorso. Tra queste c'è la perimetrazione dell'area della manifestazione, alla quale è possibile accedere da appositi punti di ingresso e previa controlli da parte della polizia.

Un altro cambiamento proposto è simile al DASPO in campo sportivo, ovvero il divieto di partecipazione alla manifestazione alle persone che, nelle proteste in passato, sono stati responsabili di aggressioni o episodi di violenza.

Secondo la pubblicazione, tali misure hanno trovato il favore dell'esecutivo. Il disegno di legge è già stato approvato dalla maggioranza del senato, e ora di attende il riscontro da parte della commissione costituzionale, per verificarne la compatibilità con la carta fondamentale dello stato.

I rappresentanti del gruppo di lavoro, composto da avvocati e rappresentanti delle forze di sicurezza, stanno attualmente lavorando sul testo finale del documento, che sarà probabilmente rivisto legalmente, ma manterrà le "tesi principali".

La pubblicazione sottolinea che questi cambiamenti legislativi sono già diventati oggetto di controversie nella società. Amnesty International ha già criticato la proposta, definendola "squilibrata". "Limitano la libertà delle persone usando la parola magica ‘ordine pubblico'", ha detto un portavoce dell'organizzazione, in un'intervista al quotidiano. 

Per quanto riguarda il divieto di partecipazione alle manifestazioni per alcuni soggetti, il suo utilizzo è fonte di preoccupazione sia per la polizia che per i difensori dei diritti umani. La prima lo considera un compito difficile; i secondi, un abuso da parte delle autorità.    

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала