Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Vucic ad ambasciatore russo: "non c'è motivo di fidarsi di missione della NATO in Kosovo"

© AFP 2021 / OLIVER BUNICSerbian President Aleksandar Vucic gives a press conference in Belgrade, file photo.
Serbian President Aleksandar Vucic gives a press conference in Belgrade, file photo. - Sputnik Italia
Seguici su
Il presidente della Serbia Alexander Vucic e il primo ministro Ana Brnabic durante un incontro con l'ambasciatore russo Alexander Chepurin hanno riferito di aver perso fiducia nel contingente della NATO in Kosovo a causa della connivenza con le azioni di Pristina.

Il personale delle unità di polizia del Ministero degli Interni del Kosovo, ROSU, ha arrestato quattro serbi nella parte settentrionale di Kosovska Mitrovica al mattino. Mercoledì scorso, il governo di Pristina ha deciso di aumentare il dazio su tutti i beni serbi del 100%, dopo di che i serbi locali hanno pianificato proteste pacifiche venerdì.

Secondo il servizio stampa presidenziale, Vucic e Brnabich hanno ringraziato l'ambasciatore Chepurin per la comprensione da parte della Russia su "cosa sta succedendo esattamente in Kosovo e Metohija e quanto la pace e la stabilità sono minacciate nell'intera regione". Vucic ha osservato che si tratta del " tentativo più grave finora di minacciare la sopravvivenza dei serbi in Kosovo".

"Il presidente Vucic ha dichiarato che la Serbia continuerà ad agire seriamente e responsabilmente nella situazione attuale, ma non ha più motivo di fidarsi della missione della KFOR, cioè della NATO, in Kosovo e Metohija, poiché è emerso che tutto ciò che hanno detto sul movimento delle unità ROSU sono pure invenzioni ", dichiara il servizio stampa citando Vucic.

Ieri i rappresentanti della KFOR hanno riferito che la situazione è sotto controllo e che non è in corso nessun avanzamento delle forze speciali della polizia del Kosovo nel nord della provincia.

L'ambasciatore Chepurin ha risposto che la Russia sta seguendo da vicino la situazione, "come si può vedere dal messaggio del ministero degli Esteri russo" e ha espresso la convinzione che "la Serbia come uno stato serio sarà in grado di affrontare responsabilmente le provocazioni e le minacce di scontro".

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала