Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Giudice blocca decreto di Trump su immigrazione

© AP Photo / Alex BrandonPresident Donald Trump speaks during a news conference with Polish President Andrzej Duda, in the East Room of the White House, Tuesday, Sept. 18, 2018, in Washington
President Donald Trump speaks during a news conference with Polish President Andrzej Duda, in the East Room of the White House, Tuesday, Sept. 18, 2018, in Washington - Sputnik Italia
Seguici su
Un giudice federale nella città americana di San Francisco ha bloccato un decreto del presidente Donald Trump che proibiva la concessione di asilo a migranti illegali. Lo riporta Associated Press.

John S. Tigar ha temporaneamente ristretto l'applicazione del decreto dopo che gli avvocati dell'American Civil Liberties Union e il Centro per la protezione dei diritti costituzionali hanno fatto ricorso in tribunale.

Come spiegato dall'avvocato ad AP Lee Gelerent, gli attivisti per i diritti umani non approvano l'immigrazione illegale. "Tuttavia, il Congresso ha deciso che anche in questo caso, alla gente non dovrebbe essere negata l'opportunità di presentare una domanda di asilo", ha detto, osservando che alcuni dei migranti "sono in serio pericolo".

L'avvocato del Centro per la protezione dei diritti costituzionali, Baher Azmi, ha spiegato che coloro che arrivano negli Stati Uniti hanno diritto alla protezione se passano attraverso i controlli di frontiera.

Il 9 novembre Trump ha emanato un decreto che proibisce la concessione di asilo agli immigrati clandestini. Secondo la legge, la protezione negli Stati Uniti può essere ottenuta solo mentre si trova nel paese e si fornisscono prove di soffrire persecuzioni in patria. I candidati idonei ricevono lo status di rifugiato politico. Se un migrante entra illegalmente nel paese, ha comunque il diritto di presentare una petizione.

A ottobre, migliaia di rifugiati dall'America centrale si sono ammassati al confine con gli Stati Uniti. Parallelamente, diverse carovane viaggiano verso nord dall'Honduras e dal Guatemala. Trump ha inviato migliaia di soldati alla frontiera per arginare l'afflusso di immigrati clandestini. I primi gruppi della carovana di migranti sono arrivati ​​al confine tra Stati Uniti e Messico il 13 novembre.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала