- Sputnik Italia
La situazione in Afghanistan
Dopo la presa di potere da parte dei talebani il futuro appare incerto per l'Afghanistan. Le forze militari guidate dagli USA si sono ritirate dal paese dopo 20 anni. Mentre alcune nazioni continuano a evacuare i loro cittadini, il paese dell'Asia centrale vive una crisi politica e umanitaria.

Ex ministro degli Esteri della Repubblica Ceca invita la NATO a ritirarsi dall'Afghanistan

Seguici suTelegram
Il coinvolgimento della NATO in Afghanistan, così come la guerra in Iraq, è stato un errore, l'alleanza dovrebbe pensare a ritirarsi, non riusciamo a creare forze afghane; lo ha detto ai giornalisti reagendo alla morte di un altro soldato ceco Lubomir Zaoralek, presidente della commissione Esteri ed ex ministro degli Esteri della Repubblica Ceca.

Lunedì nella base aerea di Shindand della provincia di Herat, nell'Afghanistan nord-occidentale, un afghano addestrato dalla NATO ha aperto il fuoco contro i soldati cechi. Nell'attacco è rimasto ucciso il 42enne comandante della compagnia Tomas Procazk, mentre altri due soldati cechi sono stati feriti.

"Dobbiamo trovare un modo per far ritirare il nostro contingente. Sono favorevole affinchè la NATO considerando questa soluzione per farlo insieme", ha detto Zaoralek.

Secondo l'ex ministro degli Esteri, la verità sulla situazione in Afghanistan è peggiore di quanto si supponga, l'alleanza sta gradualmente perdendo le sue posizioni.

"La situazione non migliora, non riusciamo a creare forze afghane, come si immaginava. La missione ci costa considerevoli risorse finanziarie. È stato un errore di andare in Afghanistan, è stato lo stesso errore della guerra in Iraq. Per noi i risultati sono per lo più negativi. Non voglio vedere nuovi soldati morti", ha detto Zaoralek, che ha ricoperto l'incarico di ministro degli Esteri dal gennaio 2014 al dicembre 2017.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала