Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Ambasciata russa reagisce a nuove accuse USA su ingerenza per elezioni midterm

© Sputnik . Igor Mikhalev / Vai alla galleria fotograficaIl congresso degli USA
Il congresso degli USA - Sputnik Italia
Seguici su
L'Ambasciata russa a Washington ha definito infondate le nuove accuse relative "all'ingerenza nelle elezioni" mosse contro la cittadina russa Elena Khusyaynnova.

"La spirale delle sanzioni avviata richiede nuove "giustificazioni". Ci si può aspettare che le imminenti elezioni di midterm siano un comodo pretesto per nuovi attacchi contro la Russia, attribuendoci "continue interferenze", si legge in un comunicato della missione diplomatica.

"Nonostante la prontezza ripetutamente espressa dal nostro Paese a cooperare in modo costruttivo su questioni legate alla sicurezza informatica, alcuni politici e funzionari di Washington preferiscono perseguire la linea delle accuse infondate senza presentare nel contempo alcuna prova e attenersi alla diplomazia degli slogan", sostengono i diplomatici russi.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti venerdì ha accusato di cospirazione per "seminare discordia nel sistema politico americano" e "diffusione di disinformazione" e "accendere dibattiti" su un vasto insieme di questioni risonanti la collaboratrice 44enne della società Project Lakhta Elena Khusyaynnova. In particolare il discorso riguarda il controllo e la detenzione di armi e l'immigrazione. Il processo contro la cittadina russa è iniziato nel tribunale di Alexandria in Virginia. Secondo l'accusa, la cittadina di San Pietroburgo è la responsabile della contabilità della compagnia.

Allo stesso tempo, secondo il Dipartimento della Difesa, "l'accusa non contiene dati che indicano che la Khusyaynnova o la cospirazione in generale abbiano avuto effetti sul risultato elettorale".

In precedenza il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca John Bolton aveva detto che Washington non rileva tentativi di Mosca di interferire nelle prossime elezioni, come sarebbe avvenuto nel 2016. Il vicepresidente Mike Pence a sua volta ha affermato che la Cina sta cercando di influenzare il processo elettorale. Il livello di "ingerenza" di Pechino è stato definito da Pence "senza precedenti".

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала