Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Mosca: manifestazione in sostegno di Vyshinsky

© Sputnik . Evgeny Biyatov / Vai alla galleria fotograficaLa manifestazione presso MIA Rossiya Segodnya in sostegno di Kirill Vyshinsky
La manifestazione presso MIA Rossiya Segodnya in sostegno di Kirill Vyshinsky - Sputnik Italia
Seguici su
A Mosca è stata organizzata una manifestazione a sostegno del capo del portale RIA Novosti Ukraina, Kirill Vyshinsky, detenuto in Ucraina da 150 giorni.

Decine di persone si sono riunite nel cortile dell'edificio MIA Rossiya Segodnya sul viale Zubovsky. Hanno messo insieme diversi striscioni che, sollevati verso il cielo, formavano un grande ritratto di Vyshinsky con gli hashtag #цеЕвропа e #TruthnotTreason.

© Sputnik . Evgeny Biyatov / Vai alla galleria fotograficaLa manifestazione presso MIA Rossiya Segodnya in sostegno di Kirill Vyshinsky
La manifestazione presso MIA Rossiya Segodnya in sostegno di Kirill Vyshinsky - Sputnik Italia
1/2
La manifestazione presso MIA Rossiya Segodnya in sostegno di Kirill Vyshinsky
© Sputnik . Evgeny Biyatov / Vai alla galleria fotograficaLa manifestazione presso MIA Rossiya Segodnya in sostegno di Kirill Vyshinsky
La manifestazione presso MIA Rossiya Segodnya in sostegno di Kirill Vyshinsky - Sputnik Italia
2/2
La manifestazione presso MIA Rossiya Segodnya in sostegno di Kirill Vyshinsky
1/2
La manifestazione presso MIA Rossiya Segodnya in sostegno di Kirill Vyshinsky
2/2
La manifestazione presso MIA Rossiya Segodnya in sostegno di Kirill Vyshinsky
Sono stati rilasciati dei palloncini bianchi nel cielo.                                   

"Una manifestazione, ovviamente, non risolverà il problema, ma ci saranno centinaia di tali eventi", ha detto il direttore generale dell'agenzia, Dmitry Kiselev.

Ha anche osservato che le autorità ucraine hanno trasformato un "vero prigioniero di coscienza" (Vyshinsky) in "strumento di ricatto" e "oggetto di scambio per terroristi", detenuti e condannati in Russia.

In questa situazione, possiamo contare sull'indifferenza dell'intera comunità giornalistica professionale internazionale, ha aggiunto Kiselev. Ha anche espresso la speranza che "la pressione sulle autorità di Kiev aumenterà".

"Faccio appello ai miei colleghi americani, <…> che sono guidati dal primo emendamento alla Costituzione, che dichiara che la libertà di parola è sacra: che il giornalista venga difeso", ha concluso Kiselev.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала