Londra: “Putin vuole trasformare la Libia in una nuova Siria”

CC0 / Pixabay / Londra
Londra - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
I servizi segreti inglesi hanno dichiarato al Premier Theresa May che la Russia “vuole trasformare la Libia in una nuova Siria e usare la propria presenza li per influenzare l’Occidente, scrive il Sun citando fonti altolocate presso il governo britannico.

Il capo del comitato internazionale del parlamento britannico Tom Tugendhat ha definito tali dichiarazioni allarmanti e ha chiesto al governo britannico di rispondere alla minaccia.

Secondo la testata i capi dei servizi segreti inglesi hanno annunciato a Theresa May che Vladimir Putin vuole trasformare la Libia in una nuova Siria e che l'obiettivo principale di Mosca è ottenere il controllo sul più grande flusso di immigrati clandestini in Europa".

Il Sun scrive che "dieci ufficiali del GRU e le sue forze speciali si trovano già in Libia, giunti a creare una testa di ponte per le comunicazioni e l'addestramento". Mosca sosteine il capo del'esercito libico Khalifa Haftari e "fornisce alle sue truppe attrezzature pesanti ", scrive il giornale.

"Due basi militari russe stanno operano già nelle città costiere di Tobruk e Bengasi, usando come copertura la compagnia militare privata russa Wagner, che ha già avamposti", dice il giornale.

Vladimir Putin - Sputnik Italia
Putin è invitato al vertice sulla Libia di Palermo
La pubblicazione scrive anche, senza dare fondamento a tali accuse né fonti di informazione, che "in Libia sono già stati dispiegati i distruttivi missili Kalibr e i moderni sistemi di difesa aerea S-300 ".

"Se Mosca prende il controllo della costa del paese, potrebbe dare vita ad una nuova ondata di migranti che attraversano il Mar Mediterraneo", scrive il Sun, citando una fonte di alto rango nel governo.

"Ciò che Putin sta facendo in Libia corrisponde esattamente alle tattiche che ha usato in Siria e Crimea, vede lo spazio incontrollato e lo usa per massimizzare l'influenza sull'Occidente, allo stesso tempo siamo estremamente vulnerabili sia ai flussi migratori che alle crisi petrolifera che potrebbe essere provocata in Libia", ha detto la fonte del giornale.

Il capo del comitato internazionale del parlamento britannico ha chiesto che il governo reagisca alla "minaccia russa".

"Il fatto che la Russia voglia aprire un nuovo fronte contro l'Occidente in Libia è estremamente allarmante, ma non dovrebbe sorprendere: senza dubbio cercheranno di utilizzare le rotte migratorie africane, abbiamo bisogno di una risposta coordinata del governo perché la destabilizzazione di questo paese è strettamente legata alla sicurezza nazionale del Regno Unito", ha detto Tugendhat.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала