Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

USA, saranno pubblicate tutte le testimonianze sul Russiagate

© Sputnik . Igor Mikhalev / Vai alla galleria fotograficaIl congresso degli USA
Il congresso degli USA - Sputnik Italia
Seguici su
La commissione per l'intelligence alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti pubblicherà le deposizioni dei membri della cerchia più vicina al presidente Donald Trump ottenute durante l'inchiesta sul Russiagate. Lo riporta Politico.

La pubblicazione delle deposizioni avverrà nei prossimi giorni o settimane. Tutti i documenti saranno disponibili subito.

Le votazioni si sono svolte venerdì a porte chiuse. Secondo Politico, la decisione è stata presa all'unanimità.

Ora la raccolta delle deposizioni, composta da migliaia di pagine, sarà sottoposta al vaglio della United States Intelligence Community e dell'Office of the Director of National Intelligence, quindi potrà essere resa pubblica.

Russian Topol-M intercontinental ballistic misiles drive through Red Square during the Victory Day parade in Moscow. File photo - Sputnik Italia
Pentagono: "armi nucleari russe sono minaccia principale per USA"

Come dimostra l'elenco pubblicato giovedì sul sito web della commissione, si tratta delle deposizioni di 53 persone. Tra questi ci sono il ​​figlio del presidente Donald Trump Jr., il procuratore generale Jeff Sessions, l'ex direttore dell'intelligence nazionale Dan Coats, l'ex consigliere di Trump Stephen Bannon, l'ex avvocato di Trump Michael Cohen, l'ex direttore delle comunicazioni dell'amministrazione Trump Hope Hicks, il genero di Trump Jared Kushner, l'ex capo dello staff preelettorale di Trump Corey Lewandowski.

Inoltre sono presenti le testimonianze di ex funzionari dell'amministrazione Obama, tra cui l'ex ministro della Giustizia Sally Yates, l'ex direttore dell'intelligence nazionale James Clapper, il consigliere per la sicurezza nazionale di Obama Susan Rice,, l'ex rappresentante degli Stati Uniti all'ONU Samantha Power, e l'ex capo della campagna di Hillary Clinton John Podesta. Nell'elenco è presente anche il lobbista Rinat Akhmetshin.

La bandiera americana - Sputnik Italia
Russiagate, dagli USA nuove accuse contro 12 russi

Particolare interesse hanno le testimonianze relative all'incontro tra Trump Jr. con Veselnitskaya e altri cittadini russi presso la Trump Tower nel luglio 2016. Oltre a Trump Jr. vi presero parte anche Manafort e Kushner. Hanno comunicato con Veselnitskaya, Akhmetshin, il traduttore Anatoly Samokhornov e anche l'uomo d'affari Ike Kaveladze. La testimonianza degli ultimi due è indicata anche nella lista pubblicata. È stato riferito che hanno parlato con i membri del comitato nel novembre 2017.

Il Comitato di Intelligence alla Camera ha concluso l'indagine sulla interferenza russa nelle elezioni presidenziali americane la scorsa primavera. La versione finale del rapporto afferma che la Russia ha interferito nelle elezioni americane del 2016, ma non vi è stata alcuna "collusione" tra lo staff di Donald Trump e Mosca. L'inchiesta era stata avviata nel gennaio 2017. Il presidente Donald Trump ha smentito qualsiasi collegamento con Mosca e ha definito l'indagine una "caccia alle streghe", imbastita dai democratici per cercare di minare la legittimità della sua presidenza. La Russia ha ripetutamente negato le accuse a suo carico e il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, le ha definite "assolutamente infondate".     

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала