Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a
 - Sputnik Italia
La situazione in Afghanistan
Dopo la presa di potere da parte dei talebani il futuro appare incerto per l'Afghanistan. Le forze militari guidate dagli USA si sono ritirate dal paese dopo 20 anni. Mentre alcune nazioni continuano a evacuare i loro cittadini, il paese dell'Asia centrale vive una crisi politica e umanitaria.

Ministero Esteri russo commenta bombardamenti NATO “erronei” in Afghanistan

© REUTERS / Nasir WakifCasa distrutta in un bombardamento in Afghanistan
Casa distrutta in un bombardamento in Afghanistan - Sputnik Italia
Seguici su
I bombardamenti “erronei” della NATO in Afghanistan sono il risultato di grossolani errori di calcolo da parte della leadership statunitense e della posizione della Casa Bianca sulla risoluzione dei problemi, ha detto il dipartimento stampa e informazione del Ministero degli Esteri russo.

"È preoccupante il crescente numero di vittime civili causate dagli attacchi aerei delle forze della coalizione in Afghanistan, solo nell'ultima settimana sono stati registrati tre di questi incidenti", ha dichiarato il Ministero.

Il 20 settembre nel distretto di Chamkani nella provincia di Paktia, aerei appartenenti a contingenti stranieri hanno provocato la morte di tre persone e ferito dieci residenti locali, tra cui donne e bambini. Il 22 settembre, un attacco aereo su un edificio residenziale nella provincia di Tagab, nella provincia di Kapisa, ha ucciso nove persone, tra cui quattro donne e tre bambini, e molti altri sono rimasti feriti. Il giorno successivo nel distretto di Shirzad nella provincia di Nangarhar, l'attacco dell'aeronautica statunitense ha ucciso nove civili e ne ha feriti altri quattro.

Siamo "indignati dal fatto che questi attacchi "erronei" delle forze NATO in questo paese siano già quasi una realtà quotidiana, e che nessuno si ne assume la responsabilità", ha sottolineato il Ministero degli Esteri.

Il dipartimento diplomatico ha invitato Washington a rivedere la sua "linea miope" a favore degli sforzi diplomatici per avviare un dialogo inter-afghano.

"Chiediamo che i colpevoli di tali atti criminali contro i civili siano consegnati alla giustizia", ha affermato il Ministero degli Esteri.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала