Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Ambasciatore ucraino: Berlino e Kiev in disaccordo su Nord Stream 2

© Sputnik . Sergey Guneev / Vai alla galleria fotograficaNord Stream 2
Nord Stream 2 - Sputnik Italia
Seguici su
L'ambasciatore ucraino in Germania Andrei Melnyk ha ammesso l'esistenza di divergenze tra Kiev e Berlino sulla costruzione del gasdotto russo North Stream 2, definendolo un test per la partnership strategica dei due paesi.

"Il Nord Stream 2 è uno dei più grandi test per la partnership strategica tra Ucraina e Germania. Esistono delle divergenze con la Germania. Questo è un dato di fatto ", ha detto l'ambasciatore in un'intervista a Evropeyskaya Pravda.

Secondo Melnyuk, alcuni "cambiamenti" nella costruzione del North Stream 2 sono apparsi dopo l'ultima visita del presidente ucraino Petro Poroshenko a Berlino e i suoi colloqui con la cancelliera Angela Merkel.

"È stato dopo questo che si è vista la posizione del governo tedesco per noi importante, ovvero che ci devono essere garanzie per mantenimento del transito attraverso l'Ucraina. Da allora questa posizione di Berlino si è rafforzata", ha aggiunto l'ambasciatore.

Il progetto Nord Stream 2 prevede la costruzione di due linee di gasdotto con una capacità totale di 55 miliardi di metri cubi di gas all'anno dalla costa russa attraverso il Mar Baltico alla Germania. La nuova pipeline dovrebbe essere costruita accanto al Nord Stream. La società, creata per la pianificazione, la costruzione e l'ulteriore utilizzo del gasdotto Nord Stream 2, è la Nord Stream 2 AG (controllata da Gazprom). Il permesso di costruzione è già stato rilasciato dalla Repubblica federale di Germania, dalla Finlandia e dalla Svezia. Resta da ottenere il consenso dalla Danimarca.

Alla costruzione del Nord Stream 2 si oppone un certo numero di paesi, in particolare l'Ucraina, che teme di perdere entrate dal transito del gas russo e gli Stati Uniti che hanno piani ambiziosi di esportare il loro gas naturale liquefatto in Europa. Inoltre, Lettonia, Lituania e Polonia hanno dichiarato congiuntamente che non approvavano la costruzione. I loro leader sono sicuri che questo è un progetto politico.            

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала