Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Simonyan pone domande all'Ucraina e all'Europa sull'arresto di Vyshinsky

© Sputnik . Sergey Pyatkov / Vai alla galleria fotograficaMargarita Simonyan, caporedattore di "Rossiya Segodnya"
Margarita Simonyan, caporedattore di Rossiya Segodnya - Sputnik Italia
Seguici su
La Caporedattrice di MIA Rossiya Segodnya, Margarita Simonyan nel centesimo giorno dell’arresto di Kirill Vyshinsky ha chiesto se in Europa ritengono l’alto tradimento per il lavoro di giornalista come una cosa normale.

"Abbiamo domande all'Ucraina. Pensate davvero che più giornalisti nelle vostre prigioni significhi avvicinarsi al brillante futuro europeo? E abbiamo domande per l'Europa. Non lo sapete, vi siete dimenticati, non te ne sei accorto, ti è stato vietato di notarlo, o pensi anche che sia giusto cucire funzionari statali per il lavoro giornalistico? "Ha detto.

Il giornalista ha anche osservato che agli Stati Uniti "non ci sono domande". "Semplicemente non sappiamo cosa chiedere" ha detto.

A sua volta, il direttore generale della MIA Rossiya Segodnya Dmitrij Kiselev ritiene che il caso di Vyshinsky venga deliberatamente trattenuto affinché crolli in tribunale. "Il fatto che Kirill sia in prigione solo perché ha compiuto il suo dovere professionale è un segno della debolezza del regime." Questa è una disgrazia, il Medioevo, l'Inquisizione ", ha aggiunto in una conferenza stampa sull'apertura del festival del Koktebel Jazz Party.

 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала