Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

“Londra deve consegnare Assange all'Ecuador”

© REUTERS / Neil HallJulian Assange
Julian Assange - Sputnik Italia
Seguici su
La commissione sui servizi segreti del Senato statunitense ha convocato Julian Assange per testimoniare nell'ambito dell'inchiesta sulla presunta ingerenza russa nelle elezioni presidenziali americane del 2016.

Il corrispondente Sputnik ha discusso con Peter Tatchell presidente della fondazione Peter Tatchell, su cosa potrebbe spingere le autorità statunitensi ad interrogare il fondatore di WikiLeaks.

Sputnik: Cosa pensa del fatto che la commissione sui servizi segreti del Senato degli Stati Uniti abbia convocato Julian Assange per testimoniare sulle indagini della presunta ingerenza russa nelle elezioni presidenziali degli Stati Uniti nel 2016?

— E' ovvio che nel corso di alcuni anni negli Stati Uniti è stato convocato in segreto un segreto "grand jury" per promuovere contro Julian Assange le accuse di pubblicazione di materiali segretati trasmessi da Chelsea Manning. E' un contesto più ampio. Credo che la ragione per cui è stato chiesto ad Assange da parte della commissione Intelligence del Senato degli Stati Uniti di testimoniare non sia solo legata all'intervento della Russia nelle elezioni presidenziali americane del 2016. Credo che Julian Assange dovrebbe stare molto attento, perché questo tentativo di interrogarlo non si limiterà a domande sull'ingerenza nelle elezioni. Penso che alla fine questo interrogatorio si riverserà sull'inchiesta per la pubblicazione di materiali classificati che testimoniano i crimini di guerra statunitensi in Iraq.

Sputnik: Forse in questo cercano di entrare in contatto con Julian Assange e quindi prendere il controllo dell'intera situazione con il fondatore di WikiLeaks. Come precedentemente affermato dai rappresentanti dell'Ecuador, Assange potrebbe lasciare l'Ambasciata a Londra. È un segnale per cui verrà presto sfrattato dall'Ambasciata? Questo problema viene discusso da diverse settimane o addirittura mesi, si prevede che Assange venga mandato via dall'Ambasciata, ma è ovvio che la situazione è entrata in un impasse politico e giuridico. Pensa che presto Assange lascerà l'Ambasciata o questa situazione senza fine continuerà a tempo indeterminato?

— Alcune settimane fa il presidente dell'Ecuador ha dichiarato che potrebbe essere mandato via dall'Ambasciata. Tuttavia, secondo le dichiarazioni successive del presidente Moreno, Assange lascerà l'Ambasciata solo nel caso in cui il governo britannico possa garantire che non verrà estradato negli Stati Uniti, dove è stato accusato di pubblicazione di materiali relativi a crimini di guerra americani e di altre violazioni. Ovviamente è una garanzia; sappiamo che i governi dell'Ecuador e della Gran Bretagna hanno discusso le possibilità di risolvere questo problema al più alto livello, ma è chiaro che la soluzione non è stata ancora raggiunta. Avete ragione, siamo bloccati in un vicolo cieco…

Ora tocca al governo britannico, credo che dovrebbe accettare il fatto che il governo dell'Ecuador ha concesso asilo ad Assange nel 2012. Secondo la Convenzione sullo status dei Rifugiati del 1951, firmata dal Regno Unito, i Paesi firmatari sono obbligati a riconoscere ed accettare l'asilo politico concesso da altri Stati. Pertanto, a mio parere, Assange potrebbe dover affrontare alcune accuse di violazione delle condizioni di libertà condizionata quando aveva presentato domanda d'asilo all'Ambasciata, ma in caso contrario credo che il governo britannico debba garantire il suo trasferimento sicuro in Ecuador. Sarebbe la decisione giusta. Non vedo alcun interesse pubblico nel continuare la persecuzione di Julian Assange.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала