Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Trump devasta l'Europa a causa dell'Iran?

© Sputnik . Sergey MamontovTeheran, Iran
Teheran, Iran - Sputnik Italia
Seguici su
Il capo della missione diplomatica austriaca in Iran Stefan Schulz ha dichiarato che in caso di cessazione dell'esportazione (di petrolio, beni e servizi) dall'Iran l'Europa si perderanno almeno 10 miliardi di dollari.

In una riunione di rappresentanti di imprese straniere in Iran, il diplomatico austriaco ha richiamato l'attenzione sull'Unione Europea, interessata a mantenere legami con l'Iran e la continuazione di approvvigionamento di petrolio nel paese. Egli ha sottolineato che le imprese europee vorrebbero ridurre al minimo la perdita per le minacce di nuove sanzioni USA. Su come i paesi europei devono resistere alla pressione di Trump e a questi meccanismi, a Sputnik ha parlato l'esperto iraniano, l'economista Bahnam Molki.

L'allontanamento delle aziende europee dall'accordo nucleare porterà ad ancora più restrizioni. Il numero di transazioni scenderà, ma allo stesso tempo per i produttori nazionali ci sarà possibilità di sviluppo, ha detto l'esperto. L'economista ha espresso il parere secondo cui, se i paesi europei, compresi la Cina e la Russia, si uniranno, allora saranno in grado di resistere alla politica di Trump:

"Ogni paese non può agire contro Trump da solo. Gli USA hanno cominciato la guerra economica contro la Cina, la Russia, l'Iran e alcuni paesi europei", spiega l'esperto.

"Senza dubbio, l'economia USA è uno dei punti di forza delle economie, e i paesi da soli non saranno in grado di resistere. Le imprese europee all'Iran sono legate a determinate condizioni. Ad esempio, l'uscita della società Peugeot arreca danni a questa casa automobilistica. Infatti, la società in una certa misura agisce in conformità con la politica USA e forse, a mio parere, difficilmente troverà un mercato così redditizio". Nonostante alcune aziende abbiano stretti contatti con gli USA, questo causerà danni: "al momento nell'UE possono fondare una banca o stabilire contatti, per aggirare le sanzioni. Allora non avranno grandi problemi, sono anche in grado a sua volta di fare pressione sulla società statunitensi".

Se l'UE, la Russia e la Cina seguiranno la scia degli USA, la pressione sarà forte, la pressione che gli USA hanno dimostrato fino al 4 agosto, è stata abbastanza forte, conclude l'esperto.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала