Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Pechino reagisce alle dichiarazioni del consigliere economico di Trump

© REUTERS / Wu Hong/PoolWang Yi, Ministro degli esteri della Cina
Wang Yi, Ministro degli esteri della Cina - Sputnik Italia
Seguici su
Le dichiarazioni americane sulla debolezza dell'economia cinese non corrispondono alla realtà, ha affermato oggi il ministro degli Esteri della Cina Wang Yi.

In precedenza Larry Kudlow, consigliere economico del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, aveva affermato che Washington continuerà a fare pressione su Pechino per ottenere concessioni commerciali. Inoltre Kudlow aveva sostenuto che "l'economia cinese e la sua moneta sono deboli e le persone se ne stanno andando dal Paese"; inoltre ha esortato a non sottovalutare la determinazione di Trump "per andare fino in fondo."

"Lo stato dell'economia cinese è evidente a tutta la comunità internazionale. Ogni anno, il nostro contributo allo sviluppo dell'economia mondiale è di circa del 30%, tanto quanto Stati Uniti, Giappone ed Europa messi insieme. Non so perché ha detto che l'economia cinese è in cattive condizioni. In ogni caso non è vero", ha detto Wang Yi nella conferenza stampa sul vertice Asean a Singapore.

Il ministero del Commercio cinese ha fatto sapere ieri che, in caso di introduzione di nuovi dazi da parte degli Stati Uniti, Pechino è pronta ad aumentare del 25%, 20%, 10% e 5% i dazi su oltre 5mila merci americane per un controvalore di circa 60 miliardi di dollari l'anno.

La dichiarazione del ministero del Commercio cinese è seguita alla notizia uscita mercoledì, secondo cui la Casa Bianca ha confermato l'imposizione di dazi al 25% sulle importazioni di merci cinesi e servizi pari ad un giro d'affari di 200 miliardi di dollari l'anno.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала