Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Export di petrolio, “o tutti o nessuno”: l'Iran reagisce alle sanzioni USA

© AP Photo / Vahid SalemiPresidente dell'Iran Hassan Rouhani
Presidente dell'Iran Hassan Rouhani - Sputnik Italia
Seguici su
Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha fatto capire che se il petrolio iraniano attraverso il Golfo Persico non potrà essere esportato, altri Paesi del Medio Oriente non potranno commerciare le loro risorse energetiche, ha dichiarato oggi il consigliere della guida suprema dell'Iran Ali Akbar Velayati nella discussione del Club Valdai.

In precedenza il Dipartimento di Stato americano aveva detto che Washington cercherà di convincere i suoi alleati a rinunciare completamente all'acquisto di petrolio dall'Iran all'inizio di novembre, mentre il segretario del Tesoro Steven Mnuchin aveva detto che gli Stati Uniti sono pronti ad imporre sanzioni contro Russia, Cina o qualsiasi altro Paese che avrebbe continuato a fare affari con Teheran contrariamente alle disposizioni statunitensi.

"La risposta più trasparente, completa e rapida è stata data da Rouhani, il presidente iraniano, nel suo ultimo tour in Europa. La risposta dell'Iran, secondo Rouhani è chiara: se non potremo esportare petrolio attraverso il Golfo Persico, nessuno potrà farlo," — ha detto Velayati, rispondendo alla domanda sulla chiusura dello Stretto di Hormuz in caso di ostacoli alle esportazioni di petrolio iraniano.

"Tutti esporteranno, o nessuno," ha osservato.

Durante la visita negli Emirati Arabi di questa settimana, il segretario di Stato Mike Pompeo ha detto che le sanzioni degli Stati Uniti contro l'industria petrolifera dell'Iran entreranno in vigore dal 4 novembre, successivamente l'approvvigionamento di petrolio dall'Iran costituirebbe una violazione delle sanzioni americane.

Il consigliere della guida suprema iraniana ha osservato che sarà difficile esportare petrolio con le sanzioni, ma il problema non è irrisolvibile.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato l'8 maggio il ritiro di Washington dall'accordo con l'Iran sul programma nucleare. Trump ha inoltre annunciato la ripresa di tutte le sanzioni contro l'Iran, comprese quelle indirette, ovvero contro quei Paesi che intrattengono rapporti commerciali con l'Iran. Gli altri membri del sestetto di mediatori internazionali si sono dichiarati contrariati da questa decisione degli Stati Uniti. I partner europei di Washington hanno dichiarato di voler continuare a rispettare le condizioni dell'accordo con l'Iran.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала