Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Gli scienziati rintracciano un lupo fuggito dalla zona di esclusione di Chernobyl

© Sputnik . Ivan Rudnev / Vai alla galleria fotograficaChernobyl nuclear plant restricted zone
Chernobyl nuclear plant restricted zone - Sputnik Italia
Seguici su
Gli animali della zona di esclusione di Chernobyl stanno iniziando a espandere gradualmente il loro habitat. Un giovane lupo grigio maschio è stato recentemente avvistato a 369 chilometri dalla sua tana, scrive il portale Science Alert.

Chernobyl - Sputnik Italia
Lupi-mutanti di Chernobyl definiti una minaccia per l'Europa
I dati sui movimenti dell'animale sono stati raccolti da un gruppo di scienziati. Nello studio, hanno usato speciali collari GPS messi a 14 lupi. Gli scienziati sono riusciti a rintracciare come una delle bestie abbia percorso molta strada dalla zona di esclusione, attraversando foreste fitte e terre coltivabili. Gli altri 13 lupi praticamente non se ne sono andati.

Questo è il primo caso noto alla scienza quando un animale si è allontanato dalla zona di esclusione per una distanza così considerevole. E questo, come notano gli scienziati, è un segno di quanto le popolazioni radioattive il cui pool genico sia mutato a causa dell'incidente della centrale nucleare di Chernobyl possano diffondersi.

"Ora che sappiamo per certo che un animale è uscito dalla zona di esclusione, adesso monitoreremo di più i movimenti degli animali al di fuori della zona di esclusione" ha detto il capo del team di ricerca, Michael Byrne.

Chernobyl - Sputnik Italia
Chernobyl – Fukushima: Disastri diversi, conseguenze simili
Ha assicurato che il lupo, seguito dal suo team, ha quattro gambe, due occhi e una coda e nessuno di essi è fosforescente. Tuttavia, non ci sono ancora informazioni complete su come il pool genico di questi lupi differisce da altre popolazioni.

Secondo Byrne, i ricercatori sono ora in grado di saperne di più, non solo per l'impatto del fallout nucleare sulla flora e la fauna, ma anche sulle mutazioni genetiche come diffuse in grandi popolazioni.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала