Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Kiev al tribunale delle Nazioni Unite con memorandum di accuse contro la Russia

© AFP 2021 / Martijn BeekmanCorte penale internazionale dell'Aja
Corte penale internazionale dell'Aja - Sputnik Italia
Seguici su
Kiev ha consegnato al tribunale delle Nazioni Unite accuse di finanziamento del terrorismo e di discriminazione razziale contro la Russia.

Di questo ha riferito il presidente Poroshenko. L'anno scorso le autorità ucraine hanno accusato Mosca di sostenere il terrorismo e fornire armi illegali, di discriminazione dei tatari di Crimea e gli ucraini in Crimea. Con opportune dichiarazioni Kiev si è rivolta alla Corte Internazionale di giustizia dell'Aja. Per il periodo del processo, l'Ucraina ha chiesto di introdurre "misure cautelari" contro la Russia, questo potrebbe "congelare" la situazione di conflitto prima che la corte non si pronunci per la decisione finale.

Ukrainian President Petro Poroshenko speaks during a news conference in Kiev, Ukraine May 14, 2017 - Sputnik Italia
Poroshenko: su Sebastopoli sventolerà la bandiera ucraina

"La presentazione del memorandum per il caso contro la Russia è una fase importante per provare che di tutte le azioni illegali la Russia sarà responsabile", ha scritto Poroshenko su Facebook. Il ministro degli Esteri ucraino Pavlo Klimkin ha affermato che il memorandum è composto da 29 volumi e pesa circa 90 kg.

In precedenza la Corte Internazionale di giustizia delle  Nazioni Unite ha soddisfatto per metà i requisiti dell'Ucraina riguardo le misure cautelari. Sugli argomenti di finanziamento del terrorismo i giudici non hanno deciso, ma hanno approvato i requisiti in relazione alla discriminazione razziale. La Russia ha ripetutamente smentito le accuse e ha detto che non è parte del conflitto interno. Il rappresentante della Russia al tribunale, il capo del dipartimento legale degli esteri Roman Kolodkin ha detto che le richieste ucraine sono al di fuori della giurisdizione di quest'istituto internazionale.

Commentando la proposta di Kiev per introdurre misure cautelari, ha sottolineato che Mosca "non vede la base né legale, né fattiva per la loro introduzione". Ha sottolineato che se Kiev vuole davvero la pace, deve lavorare al completo adempimento degli accordi di Minsk.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала