Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

I chimici dell'Università di Mosca hanno elaborato un nuovo metodo per trovare esplosivi

© Sputnik . Maksim BlinovL'Università statale Lomonosov di Mosca (MGU)
L'Università statale Lomonosov di Mosca (MGU) - Sputnik Italia
Seguici su
I collaboratori della facoltà di chimica dell'Università statale Lomonosov di Mosca (MGU) hanno creato un gel poroso in grado di modificare le caratteristiche ottiche di un oggetto in presenza di esplosivo, ha dichiarato l’ateneo.

"I composti aromatici ad alta energia vengono spesso impiegati come base di sostanze esplosive, per questo i dispositivi sono in grado di rilevare grazie al gel di sintesi le sostanze esplosive perché reagiscono alla presenza di toluene o altri composti aromatici", si osserva nel comunicato.

Le sostanze create dai collaboratori della facoltà di chimica generale guidati da Leonid Kustov, professore e dottore di ricerca in chimica, appartengono alla classe dei nanomateriali ibridi, sono cioè gel organici/inorganici che possiedono una complessa struttura porosa. I composti sono sintetizzati anche a partire da soluzioni di sali di metalli e dai cosiddetti linker, ovvero composti organici particolari. I ricercatori hanno utilizzato gli ioni di ferro e l'acido naftalindicarbonico come reagenti esterni. Dopo un trattamento agli ultrasuoni il composto diventa un gel piuttosto resistente che conserva la struttura porosa per alcuni mesi.

Medici - Sputnik Italia
Gli scienziati russi hanno dimostrato la tossicità delle nanoparticelle di argento

Il gel sintetizzato è fotoluminescente, ovvero si illumina nello spettro visibile se sollecitato da raggi ultravioletti. Nella struttura della sostanza vi sono molti pori di diametro vario, da alcuni a decine di nanometri. Se l'aria entrasse nel gel, ai pori si attaccherebbero le molecole organiche ospiti le cui dimensioni corrispondono al diametro dei buchi. Per effetto dell'assorbimento degli "ospiti" grazie ai raggi UV le proprietà luminescenti del gel sono modificate. E gli studiosi hanno imparato a valutare la natura e la concentrazione delle sostanze assorbite dal gel in base alle variazione dell'intensità di luminosità.

Gli autori della ricerca aggiungono che è possibile creare dispositivi per un'ampia gamma di sostanze. Variando i rapporti tra ioni di metalli e molecole-linker, è possibile stabilire le dimensioni dei pori nel gel e modificare la sua capacità di assorbire molecole organiche di varie dimensioni.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала