Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Mondiali in Russia: la nazionale marocchina agli occhi di un tifoso

© AFP 2021 / Fadel SennaLa nazionale marocchina
La nazionale marocchina - Sputnik Italia
Seguici su
Oleg Dmitriev, tifoso da 40 anni e editorialista di Sputnik, offre uno sguardo non enciclopedico sulle nazionali partecipanti ai Mondiali di calcio in Russia. Questo articolo è dedicato alla nazionale marocchina che giocherà nel gruppo B con Spagna, Portogallo e Iran.

È sempre difficile scrivere di "squadre esotiche" che hai visto in azione solo poche volte nella tua vita. Ma un'analisi più attenta ti permette sempre di trovare quei dettagli che ti permettono di avere un quadro più chiaro della situazione. E in tal senso il Marocco non è un'eccezione. Anche se, bisogna riconoscerlo, in Russia questo Paese è noto soprattutto per le arance e non per il calcio.

I tifosi peruviani - Sputnik Italia
Mondiali 2018: la nazionale peruviana agli occhi di un tifoso
Febbraio 2018. Un caffè nel centro de Il Cairo. La gente beve il caffè, fuma il naghilè, segue il calcio e… tifa per la Nigeria, per quanto possa sembrare strano. Questo perché alla tv trasmettevano un torneo di calcio non usuale per l'Europa e l'America, ovvero la Coppa d'Africa per squadre composte dai calciatori che giocano nei campionati nazionali.

Nella partita finale che si teneva proprio in Marocco sotto una pioggia torrenziale si scontravano la squadra di casa e i giovani nigeriani. Proprio su questo si basava la scelta dei tifosi egiziani: mai avrebbero sostenuto i propri concorrenti arabi! Io, lo riconosco, mi sono lasciato trasportare dall'atmosfera e ho tifato per i nigeriani. Ma i giovani marocchini non lasciarono loro via di scampo. Splendidi dribbling, gioco ben organizzato, controllo di palla: fu un calcio di buona qualità con influssi brasiliani. E infatti il Marocco vinse 4:0.

Perché ho ricordato questo aneddoto? Perché fa capire quanta attenzione il Marocco dà ai giovani calciatori. E questo influenza anche i risultati della squadra senior. L'arrivo in finale ai Mondiali e la partecipazione continua alla Coppa d'Africa sono conferme di ciò.

13 giugno 2017: Mancini viene presentato allo Zenit con la musica dal vivo - Sputnik Italia
Dasvidania Mancini, Spasibo Criscito
Il Marocco, però, ha sbaragliato davvero la concorrenza solo una volta, nel 1986 in Messico. Allora il Marocco era nello stesso gruppo di Inghilterra, Portogallo e Polonia. Nessuno si sarebbe aspettato, me incluso che allora avevo 18 anni, che in quel gruppo il primo posto lo avrebbe occupato il Marocco. Dopo i pareggi con Polonia e Inghilterra, il Marocco vinse contro il Portogallo 3:1. Col senno di poi, questo accadde per via di un gioco eccessivamente disciplinato che puntava ad attaccare l'area di rigore dell'avversario.

Io in una partita degli ottavi di finale di quella competizione tifai per il Marocco. Purtroppo, però, perse contro la Repubblica Federale di Germania che arrivò seconda complessivamente. Ma ancora una volta il gioco in difesa fu impeccabile.

Come ci si divertiva nell'URSS - Sputnik Italia
Come ci si divertiva nell'URSS
I tifosi dell'ex URSS hanno di recente potuto fare le proprie considerazioni sul calcio marocchino sulla base della partita tra Anzhi Makhachkala e Lokomotiv Mosca in cui ha brillantemente giocato il calciatore marocchino Moubarak Boussoufa. Questo attaccante si è sempre distinto per una buona tenuta sulle fasce laterali, una buona capacità di sfondamento in area di rigore giocando in anticipo e segnando gol sempre belli e imprevedibili. Ancora oggi Boussoufa, che gioca nella squadra Al-Jazira Club degli Emirati Arabi, è una delle figure chiave della nazionale marocchina.

Un altro fatto interessante è che in questo mondiale i tifosi marocchini cercheranno di imparare dall'esperienza russa. Infatti, il Marocco è candidato ad ospitare la fase finale dei Mondiali del 2026. Per questo motivo nel Paese si respira un entusiasmo senza precedenti.

I tifosi iraniani - Sputnik Italia
Mondiali 2018: la nazionale iraniana agli occhi di un tifoso
Sebbene il Marocco difficilmente ospiterà quei mondiali, perché i suoi principali avversari sono il trio USA-Messico-Canada che hanno inviato una candidatura congiunta, il Marocco non si dà per vinto e, secondo alcune dichiarazioni, nutre la speranza che la sua candidatura venga sostenuta dai Paesi africani, dal mondo arabo, da parte dell'Europa e dai Paesi dell'ex URSS. Ad ogni modo il Paese non si dimentica di due importanti fattori del calcio contemporaneo: la promozione del Marocco sulla scena internazionale e la formazione dei giovani calciatori. 

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала