I militanti in Siria e in Iraq hanno ricevuto circa 200 mila euro dal Belgio

Seguici suTelegram
I cosiddetti combattenti stranieri, partiti dal Belgio per la guerra in Siria e in Iraq, negli ultimi anni hanno ricevuto da parenti, amici e simpatizzanti in Belgio supporto per un totale di circa 200 mila euro, ha riferito mercoledì il giornale De Tijd.

La maggior parte dei fondi è stata trasferita attraverso la Western Union. I soldi son stati inviati agli intermediari in Libano e Turchia, che hanno portato i soldi ai destinatari finali in Siria e in Iraq.

Come riferito in precedenza dal quotidiano la Libre Belgique, i combattenti stranieri provenienti dal Belgio che si sono uniti ai ranghi dei terroristi in Siria e in Iraq sono più di 600, il numero riguarda i morti in Siria e in Iraq, e anche coloro che rimangono sul territorio di questi paesi o sono tornati in Belgio.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала