Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Die Welt: con gli “amici della Russia” al potere Putin trionfa pure in Italia

© Sputnik . Aleksey Nikolsky / Vai alla galleria fotograficaVladimir Putin e Matteo Salvini
Vladimir Putin e Matteo Salvini - Sputnik Italia
Seguici su
Il nascente governo Lega-Cinque mirerà a stringere le relazioni con la Russia e le userà per fare pressione nei negoziati con l'UE. Lo riporta il quotidiano tedesco Die Welt.

La pubblicazione afferma che il programma del nuovo governo italiano già mette a seria prova i nervi dei politici a Bruxelles, in quanto conterrebbe dichiarazioni economiche che minano le fondamenta stesse dell'Unione europea. Ma la cosa più importante, secondo l'autore, è l'intenzione di costruire stretti rapporti con la Russia.

Da questo punto di vista, con gli "amici della Russia" al potere, Putin ha trionfato pure in Italia — sottolinea la pubblicazione.

Per quanto riguarda la parte di politica estera del programma del nuovo governo, i "populisti" italiani definiscono la Russia non "una minaccia, ma un partner commerciale ed economico", continua la pubblicazione. Chiedono "la revoca immediata delle sanzioni" e "il riconoscimento alla Russia dello status di partner strategico nel risolvere le crisi regionali" in Siria, Libia e Yemen.

Roma - Sputnik Italia
Fara: “Governo M5S-Lega potrebbe modificare la politica estera nei confronti della Russia”
L'Italia ha a lungo mantenuto relazioni relativamente strette con la Russia, ricorda l'autore. L'ex primo ministro Silvio Berlusconi è amico del presidente russo Vladimir Putin. E i democratici che hanno governato finora hanno perseguito una politica piuttosto moderata nei confronti di Mosca. Ma tutti loro non hanno mai messo in discussione la cooperazione con l'UE. Ora, invece, l'autore nota che i "populisti" italiani hanno spostato le attenzioni da Bruxelles a Mosca.

Inoltre, continua la pubblicazione, Lega e Cinque Stelle chiedono una riforma fondamentale dell'UE. Si tratta di cambiamenti nelle politiche economiche e finanziarie dell'UE e la revisione della politica di immigrazione. Vogliono limitare il potere della burocrazia europea ed espandere i poteri del Parlamento europeo, spiega Die Welt.

La reazione ufficiale della Commissione europea a queste richieste non è ancora arrivata, ma in ogni caso l'UE dovrà negoziare con le nuove autorità italiane e non sarà facile. Dopotutto, come leva della pressione, Roma sarà in grado di utilizzare sia la crisi migratoria che la sua vicinanza alla Russia, conclude la pubblicazione.  

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала