The National Interest: “Polonia e Paesi Baltici nervosi per i carri armati russi”

© Foto : Ministry of defence of the Russian FederationTank russo T-14 Armata
Tank russo T-14 Armata - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Le leadership militari della Polonia e dei Paesi Baltici sono preoccupate dal ritardo dei sistemi anti-carro rispetto ai nuovi mezzi blindati e carri armati dell'esercito russo, scrive la rivista americana The National Interest.

La pubblicazione rileva che la maggior parte degli armamenti anti-carro degli eserciti dei Paesi del "fianco orientale" della NATO sono obsoleti. Le leadership militari di questi Stati ne sono consapevoli. Pertanto Varsavia sta cercando di trovare un'alternativa alle sue armi in dotazione RPG-76 "Komar" e RPG-7. Allo stesso tempo la Polonia, come i Paesi Baltici, dispone dei lanciagranate svedesi "Karl Gustav".

Gli eserciti di questi Paesi dispongono di alcune armi anticarro più nuove, tuttavia necessitano di modernizzazione. Tra le possibili alternative la pubblicazione americana indica il lanciagranate statunitense Airtronic PSRL-1, gli spagnoli Instalanza C90 e C100 ed il tedesco Panzerfaust 3.

Nell'articolo si rileva che la maggior parte dei sistemi anticarro delle forze armate di Polonia, Lituania, Lettonia ed Estonia non è in grado di opporsi alle ultime versioni dei carri armati russi.

La ragione è che i nuovi mezzi corazzati russi sono dotati di moduli di protezione attiva e sistemi di difesa dinamici che con alta probabilità possono resistere alla maggior parte delle bombe a mano e dei missili teleguidati anti-carro. 

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала