Ministro Esteri estone: Mosca rispetti il diritto internazionale e poi parleremo in parità

© Sputnik . Vladimir Pesnya / Vai alla galleria fotograficaEstonia, Tallinn
Estonia, Tallinn - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Il ministro degli Esteri estone Sven Mikser non è d'accordo con il il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, che ha detto che l'Europa ha bisogno di imparare a parlare con la Russia in condizioni di parità, rifiutando l'approccio arrogante.

"La forza dell'Unione Europea sta nel rispetto della democrazia, dello stato di diritto e delle libertà fondamentali. Il fatto che i leader della Russia di oggi non condividono gli stessi valori fondamentali, ovviamente, pone limiti a come l'Europa possa trattare con il Cremlino", ha detto Mikser in un'intervista con ERR.

Secondo il ministro estone, si può parlare di dialogo con la Russia su un piano di parità solo dopo che la leadership russa inizierà a rispettare i principi generalmente riconosciuti del diritto internazionale.

"Sono d'accordo con Juncker che la Russia svolge un ruolo importante nella sicurezza europea, ma, purtroppo, questo ruolo è ora in gran parte negativo", ha spiegato Mikser.

La bandiera estone - Sputnik Italia
Esperto russo commenta ministro degli Esteri estone su Russia e Ucraina

Il capo della Commissione europea Jean-Claude Juncker, in un'intervista pubblicata sabato sulla rivista olandese Trouw, ha definito il presidente russo Vladimir Putin suo amico e ha detto che senza la partecipazione di Mosca è impossibile costruire un sistema di sicurezza europeo. 

"Dobbiamo imparare a parlare con i russi su un piano di parità, senza arroganza. Dobbiamo ristabilire i contatti con la Russia… In Europa, non può esserci alcun programma di sicurezza senza la Russia. Non mi piace la retorica della guerra fredda", ha affermato Juncker. 

Questa dichiarazione del capo della Commissione europea è stata anche criticata dal presidente della commissione parlamentare per gli affari esteri Marko Mihkelson e dagli eurodeputati Urmas Paet (Reform Party) e Tunne Kelam (IRL). Quest'ultimo ha paragonato il comportamento della Russia con la politica aggressiva della Germania di Hitler negli Anni '30.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала