Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Homo cosmicus: cinque sfide e curiosità dell’era spaziale

© Sputnik . RIA Novosti / Vai alla galleria fotograficaSoyuz-Apollo Soviet-U.S. space crew
Soyuz-Apollo Soviet-U.S. space crew - Sputnik Italia
Seguici su
Il 12 aprile 1961 l’umanità fece il primo passo verso la conquista verso di una frontiera sconosciuta: lo spazio. E nonostante i viaggi nell'orbita della Terra siano diventati qualcosa di banale, pochi terrestri pensano alle sfide che gli astronauti devono affrontare nella loro vita quotidiana nello spazio e al modo in cui riescono ad affrontarle.

Nel Giorno della Cosmonautica Sputnik ha raccolto cinque sfide e curiosità a loro correlate che difficilmente potreste sperimentare sulla Terra.

1. L'assenza di peso

Gli astronauti durante le lunghe permanenze nello spazio possono perdere fino al 20% del fluido sanguigno, il loro cuore si indebolisce, sviluppano atrofia muscolare, e le loro articolazioni si espandono spingendo sulle ossa. Al fine di minimizzare gli effetti deleteri della mancanza di gravità, la ISS è dotata di speciali simulatori che aiutano gli astronauti a rimanere in forma e a simulare le condizioni della terra per prendersi cura del loro corpo.

Per tenere allenati i muscoli della mascella i cosmonauti masticano continuamente gomme da masticare.

2. La dieta dei cosmonauti

Il museo del cosmodromo di Baykonur - Sputnik Italia
Un viaggio nello spazio al museo di Bajkonur
Contrariamente ai miti popolari, i cosmonauti moderni non mangiano esclusivamente cibo in tubetti. La maggior parte della loro dieta consiste di cibi precotti o a cottura veloce, ma estremamente nutrienti. Cibo in scatola, composte e miscele disidratate acquisiscono rapidamente un gusto familiare, bisogna solo riscaldarle e mescolarle con l'acqua. Uno o due volte al mese vengono mandati in orbita frutta e verdura fresca refrigerata, nonché un paio di delizie terrestri su richiesta degli stessi astronauti.

Un altro mito comune riguarda l'acqua. Ad oggi sulla ISS non si recupera acqua dall'urina degli astronauti. Questo fa già parte del passato. Anche l'acqua e tutti gli altri liquidi vengono portati dalla Terra.

Ma come fanno a "sbarazzarsi" di ciò che mangiano?

3. Un carico indesiderato

Ecco come si preparò Yuri Gagarin al primo volo nello spazio - Sputnik Italia
Ecco come si preparò Yuri Gagarin al primo volo nello spazio

Il sistema di raccolta e il scarico delle feci spaziali sembra un normale bagno terrestre. Ma solo a prima vista. Non è possibile fare affidamento sulla gravità terrestre, quindi la loro eliminazione avviene grazie ai tubi che funzionano come un'aspirapolvere. Gli escrementi raccolti vengono quindi espulsi dalla nave verso l'esterno e alla fine completamente bruciati nell'atmosfera.

4. Una sfida di scala cosmica

La corsa allo spazio è piena di storie curiose. Secondo una di queste, nel 1957, subito dopo il lancio del primo satellite, l'enologo francese Henri Maire promise 1000 bottiglie del suo vino più costoso a colui che per primo gli avrebbe mostrato l'altra faccia della Luna. Due anni dopo, nell'ottobre del 1959, la navicella spaziale sovietica Luna-3 fotografò per la prima volta qualcosa che nessuno aveva mai visto prima. Queste prime fotografie volarono poi per tutto il mondo.

Si dice che il francese mantenne la sua parola e per il nuovo anno 1960, 1.000 bottiglie di vino Vin Fou furono distribuite ai membri della team del programma lunare sovietico. Una di queste può ancora essere vista nel Museo della cosmonautica di Mosca.

5. Problemi di attracco

The International Space Station (ISS) uses a modular design first perfected by Soviet engineers in the 1980s. - Sputnik Italia
Equipaggio della ISS aggancia la navicella cargo Dragon
Nel giugno del 1975, si verificò il primo incontro spaziale internazionale, noto anche come la "stretta di mano nello spazio": la navetta Soyuz-19 e l'americana Apollo per la prima volta attraccarono l'una all'altra. Ma poche persone sanno che per questo le navi dovettero cambiare "sesso".

Il fatto è che l'ormeggio ordinario avviene secondo il consueto principio terrestre di "maschio-femmina" come ad esempio per le prese elettriche. Nel caso della Soyuz e dell'Apollo, si scoprì che entrambe le navi erano "maschi". Per farle attraccare con successo fu necessario creare appositamente due femmine collegate alle quali le navi attraccarono.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала