Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Netanyahu elogia i militari dopo gli scontri al confine con la Striscia di Gaza

© REUTERS / Ibraheem Abu MustafaA wounded Palestinian woman is evacuated during clashes with Israeli troops, during a tent city protest along the Israel border with Gaza, demanding the right to return to their homeland, the southern Gaza Strip
A wounded Palestinian woman is evacuated during clashes with Israeli troops, during a tent city protest along the Israel border with Gaza, demanding the right to return to their homeland, the southern Gaza Strip - Sputnik Italia
Seguici su
Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha elogiato i militari dopo gli scontri al confine con la Striscia di Gaza.

Venerdì scorso è iniziata la campagna di protesta dei palestinesi che secondo i piani continuerà fino a metà maggio. Durante gli scontri con le truppe israeliane lungo il confine della Striscia di Gaza sono rimasti uccisi 15 palestinesi, mentre circa mille sono stati i feriti.

I militari israeliani ammettono di aver usato le armi da fuoco contro i dimostranti più aggressivi, giustificando le loro azioni con la necessità di proteggere il confine di Stato e allo stesso tempo scaricando la responsabilità per lo spargimento di sangue alle autorità dell'enclave palestinese.

"Tanto di cappello ai nostri soldati a guardia dei confini dello Stato, che hanno garantito la possibilità ai cittadini di Israele di celebrare tranquillamente la festa," — ha detto Netanyahu, riferendosi alla festività religiosa della Pasqua ebraica.

"Israele agisce con fermezza e decisione per difendere la propria sovranità e la sicurezza dei suoi cittadini", — ha aggiunto.

Anche il ministro della Difesa Avigdor Lieberman ha elogiato i soldati per la determinazione e la professionalità. Ha criticato coloro che hanno biasimato Israele per l'uso sproporzionato della forza e chiedono un'inchiesta per i fatti di venerdì.

"Credono erroneamente che Hamas abbia organizzato il Festival di Woodstock e che dovevamo regalare i fiori," — ha twittato il capo del dicastero militare dello Stato ebraico.

La stessa posizione è sostanzialmente espressa nel comunicato del ministero degli Esteri israeliano.

"Le barriere al confine tra Israele e la Striscia di Gaza separano uno Stato sovrano da un'organizzazione terroristica… l'esercito utilizza la forza per scopi difensivi e proporzionalmente contro Hamas, un'organizzazione che esalta le uccisioni e la morte, che da molti anni è orientata a danneggiare i milioni di israeliani".

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала