Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Esperto: Damasco pronta a rispondere ad attacchi USA

© REUTERS / Omar SanadikiBandiera della Siria, Damasco
Bandiera della Siria, Damasco - Sputnik Italia
Seguici su
Il principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammad bin Salman Al Sa'ud il 20 marzo ha incontrato il presidente degli USA Donald Trump alla Casa Bianca. Gli esperti arabi credono che questo incontro influenzerà la situazione in Siria e in Medio Oriente. Il politologo Salem Zahran ha detto a Sputnik che Damasco si aspetta una possibile aggressione.

L'esperto ha dichiarato di aver recentemente visitato Damasco e di aver incontrato i funzionari siriani e di poter dire con certezza che la Siria si aspetta delle possibili aggressioni ha detto l'esperto libanese.

"La gente semplice a Damasco non si curano delle diverse minacce da parte degli Stati Uniti, la vita continua a scorrere come ogni giorno. Ma a livello ufficiale i funzionari civili e militari della Siria stanno valutando due possibili direzioni di attacco contro la Siria. In primo luogo potrebbe essere condotto un pesante attacco missilistico dopo l'incontro tra il principe ereditario saudita e il presidente USA. Questo perché dopo l'ultimo incontro tra il leader americano e il Ministro della difesa saudita fu condotto l'attacco missilistico contro l'aeroporto militare siriano Shayrat. In questo caso l'attacco di risposta della Siria non sarà indirizzato contro lo Stato Islamico ma contro le basi americane sul territorio siriano. Sono già indicate come possibili obiettivi sulle cartine dei militari".

Salem Zahran continua: "in secondo luogo, la leadership siriana si aspetta un incremento della guerra psicologica e delle informazioni contro la Siria attraverso l'intimidazione. L'apparizione di Bashar Assad in Ghouta orientale è stato un colpo premonitore di un simile attacco".

L'evacuazione dei civili dal Ghouta orientale - Sputnik Italia
Siria, Mosca: aperto terzo corridoio umanitario nel Ghouta
Per quanto riguarda una possibile aggressione da parte di Israele l'esperto ha dichiarato "Israele prenderà parte alla guerra solo in caso dell'adempimento di tre condizioni: gli USA dovranno capeggiare la campagna militare, dovranno prenderne parte altri paesi NATO e altri paesi arabi dovranno sostenere ufficialmente l'aggressione. Non penso che Israele inizierà una guerra da solo" ha detto l'analista Salem Zahran.

In conclusione l'esperto ha osservato che nell'odierno contrasto dell'aggressione americana ha ricoperto un ruolo fondamentale la Federazione Russa.

"Oggi Mosca sta scrivendo la storia, sta riportando un equilibrio nell'arena politica mondiale. L'unipolarità americana rimarrà nel passato" ha detto Zahran    

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала