Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Turchia pronta a bombardamenti massicci delle forze curde nel nord della Siria

© AFP 2021 / OZAN KOSE Soldati turchi
Soldati turchi - Sputnik Italia
Seguici su
La fase terrestre dell'operazione militare turca nella città siriana di Afrin controllata dalle forze curde sarà preceduta da massicci bombardamenti contro 149 obiettivi delle milizie YPG, segnalano i media turchi.

La prima fase dell'operazione durerà non oltre 6 giorni e parallelamente ai caccia-bombardieri dell'aviazione turca sarà coinvolta l'artiglieria schierata al confine con la Siria, ipotizzano i media locali.

Con riferimento a fonti nell'esercito, il quotidiano turco "Haberturk" scrive che, se necessario, le forze speciali, incluse le unità d'élite, potranno essere inviate ad Afrin, segnalano le agenzie di stampa russe.

Il giornale osserva che le milizie curde hanno eretto fortificazioni e trincee in nove zone di Afrin che potrebbero essere sfruttate per costringere le forze turche ad una battaglia di posizione.

Secondo il quotidiano "Milliyet", lo Stato Maggiore turco propenderebbe per un attacco con mezzi corazzati preceduto da raid aerei. Viene specificato che l'invazione di corazzati verrebbe accompagnata da dispositivi di guerra elettronica per oscurare la maggior parte dei segnali radio.

Ricordiamo che la Turchia monitora Afrin ed i territori adiacenti controllati dalle milizie curde YPG.

Domenica scorsa il portavoce dell'operazione della coalizione americana Inherent Resolve, il colonnello Thomas Veale, ha detto che gli Stati Uniti "addestreranno le forze di sicurezza al confine siriano" prendendo combattenti dalla coalizione curda delle Forze Democratiche Siriane al confine con la Turchia.

In Turchia l'iniziativa è stata severamente condannata, affermando che gli Stati Uniti "legittimano un'organizzazione terroristica".

Nel Parlamento russo l'iniziativa statunitense per creare "forze di sicurezza di confine" è stata caratterizzata come una "porcata". Il presidente della commissione Esteri del Consiglio della Federazione Konstantin Kosachev ha detto che i piani statunitensi violano la Carta delle Nazioni Unite, mentre il senatore Alexey Pushkov ha accusato le autorità statunitensi di preparare la disgregazione della Siria.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала