Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

La Bulgaria vuole portare nella UE gli altri paesi dei Balcani

© Fotolia / AdonskySofia, Bulgaria
Sofia, Bulgaria - Sputnik Italia
Seguici su
La Bulgaria ha stabilito che il compito della sua presidenza nell'UE sarà quello di rilanciare le prospettive per l'adesione all'Unione dei sei paesi dei Balcani occidentali. Il parlamento britannico ha osservato l'indebolimento della democrazia e il rafforzamento dell'influenza della Russia nella regione.

La presidenza di turno della UE verrà ricoperta per sei mesi dalla Bulgaria, che h stabilito che il compito della sua presidenza nell'UE sarà quello di rilanciare le prospettive per l'adesione dei sei paesi dei Balcani occidentali. Allo stesso tempo il parlamento britannico osserva l'indebolimento della democrazia e il rafforzamento dell'influenza della Russia nella regione. Questo preoccupa anche un'eurodeputata della Slovenia:

Bandiera della Macedonia - Sputnik Italia
Esperto spiega perché USA creano un'immagine negativa della Russia nei Balcani

"Se i leader europei non riconosceranno quello che è in gioco, se promettono e non attueranno l'ampliamento dell'UE, allora potremmo perdere i Balcani occidentali" ha detto Tanya Fion. "Questa regione rischia l'instabilità politica e economica, e la crescita del nazionalismo. Le nuove generazioni verranno perse".

A maggio i leader di Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Serbia, Kosovo, Macedonia e Albania si incontreranno a Sofia con la dirigenza dell'UE, mentre il Regno Unito, in procinto di abbandonare l'Unione, organizzerà un summit sui Balcani occidentali a Londra a luglio.

"Dobbiamo migliorare il livello di vita della regione, dare opportunità alla gioventù, aprire le frontiere, coltivare con loro relazioni di buon vicinato" ha detto la politica slovena. "Questo aumenterà non solo la nostra autorità nei Balcani occidentali e ma anche in Europa e in generale nel mondo".

Il capo della Commissione Europea presenterà a febbraio un documento chiamato "Strategia per l'adesione con successo di Serbia e Montenegro": quest'ultima potrebbe avvenire già sotto il successore di Jean-Claude Juncker, presumibilmente nel 2025.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала